Il Tirreno

Montecatini

Sanità e servizi

Valdinievole, all’ospedale attivi 29 posti letto e garantita l’attività chirurgica

Valdinievole, all’ospedale attivi 29 posti letto e garantita l’attività chirurgica

L’Asl sulla riorganizzazione estiva del Cosma e Damiano

08 luglio 2024
3 MINUTI DI LETTURA





Valdinievole Operativi anche in questo periodo estivo i setting di area medica, mentre subirà una rimodulazione l'area chirurgica, dove sospesi i 22 posti letto del setting D, con i ricoveri concentrati nel setting chirurgico F (chirurgia d’urgenza) che consta di venti posti letto, e nei nove letti di day surgery. «Pertanto resteranno sempre attivi 29 posti letto. E non verrà interrotta l'attività chirurgica: oltre a quella urgente è garantita principalmente quella oncologica (di chirurgia generale e ginecologica), urologica, ortopedica, e oculistica».

È il quadro fornito dall’Asl Toscana Centro nella riorganizzazione estiva dell’ospedale Cosma e Damiano di Pescia, che insieme agli altri presidi sanitari dell’area deve far fronte alle ferie del personale. «Da giugno fino alla metà di settembre i cittadini residenti nei territori di Empoli, Firenze, Prato e Pistoia potranno contare su una rete ospedaliera completamente operativa – fanno sapere dall’azienda sanitaria – in alcuni presidi ospedalieri nel raffronto con il 2023 la rimodulazione estiva, per consentire al personale sanitario di usufruire, a rotazione, del diritto delle ferie, è di poche unità: le contrazioni maggiori, come di consueto, avvengono nei setting di chirurgia elettiva di tutti gli ospedali ma dalle riorganizzazioni dei posti letto chirurgici nulla cambierà per i pazienti ai quali continueranno ad essere garantiti tutti gli interventi chirurgici, di qualsiasi specialistica, fatta eccezione della diversa collocazione nel reparto di ricovero. L’attività chirurgica, in qualsiasi presidio ospedaliero non sarà mai interrotta: oltre a quella urgente è garantita principalmente quella oncologica e le sedute operatorie programmate saranno tutte garantite nei tempi previsti dalla patologia per mantenere l’attuale recupero delle liste d’attesa ottenuto in alcuni ambiti». L’Asl inoltre «mantiene attive, con alcune rimodulazioni, le aree mediche in ragione del fatto che soprattutto in estate crescono gli accessi nei pronto soccorso di pazienti che, a causa delle alte temperature estive, sono soggetti a scompensarsi: principalmente anziani e pazienti fragili, come i malati cronici, i cui accessi esitano poi spesso in ricovero per problematiche cliniche a carattere acuto».

Insomma quest’estate «su un totale di circa 2.200 posti letto ospedalieri si prevede una riduzione maggiore solo nella settimana centrale di agosto, di circa il 10%, e minori chiusure nei mesi di luglio e settembre. L’organizzazione programmata e la disponibilità del personale sanitario nella gestione dei turni, ha permesso a molti reparti di degenza di rimodulare i ricoveri in maniera progressiva o di lasciare invariata la disponibilità dei posti letto». Conclude l’Asl Centro: «Vengono mantenute inalterate tutte le attività, con un utilizzo più flessibile dei posti letto e, come avviene ormai da anni, il monitoraggio giornaliero dei posti letto, dei ricoveri, degli accessi ai pronto soccorso permette, in caso emergessero delle criticità, di rimodulare tempestivamente l’organizzazione programmata rendendo disponibili le necessarie risorse. Più in generale, è utile evidenziare che in tutti gli ospedali sono garantiti tutti percorsi assistenziali e i servizi sia diagnostici che terapeutici per i pazienti oncologici e cronici e ovviamente per i pazienti in situazione clinica acuta». l

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Primo piano
Allarme criminalità

Dietro ai roghi di Prato la “guerra delle grucce”: un affare da cento milioni di euro

di Paolo Nencioni