Il Tirreno

Montecatini

La protesta

Montecatini, gomme distrutte nelle maxi buche: «Il vialone del Melani è un disastro»

di Luca Signorini
Montecatini, gomme distrutte nelle maxi buche: «Il vialone del Melani è un disastro»

L’imprenditore: chiediamo di sistemare l’asfalto, sempre più pericoloso

26 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





PIEVE A NIEVOLE. Immensi crateri e asfalto rovinato in numerosi punti lungo via Ponte di Monsummano, il vialone del Melani come è conosciuta questa strada provinciale in Valdinievole, che da Montecatini (allo Sporting Club) arriva fino all’inizio della variante del Fossetto, tra i comuni di Pieve a Nievole e Monsummano.

Buche così profonde che negli ultimi giorni almeno un paio di auto in transito si sono dovute accostare a bordo strada, con pneumatico e cerchione distrutti nell’urto, tanto da richiedere l’intervento sul posto di una pattuglia della polizia municipale di Pieve a Nievole. Vigili urbani chiamati a regolare la circolazione e a fare i rilievi con tanto di servizio fotografico per accertare le cause, visto che le “vittime” dell’asfalto distrutto potrebbero benissimo fare causa e presentare una richiesta di risarcimento danni alla Provincia di Pistoia, che gestisce questa viabilità.

«Gli incidenti nella mega buca sono avvenuti all’altezza della nostra azienda e del magazzino, tra il civico 9 e il civico 46 della strada – dice Simone Giannoni, titolare della ditta di materiali edili Edival – qui dobbiamo cercare di smuovere un po’ le acque per far intervenire gli enti competenti e sistemare l’asfalto, sempre più pericoloso».

«Purtroppo via Ponte di Monsummano è in una situazione veramente critica, e non da oggi – va avanti l’imprenditore nella sua denuncia pubblica – tutto l’asfalto è sconnesso, anche andando verso la Camporcioni e Chiesina Uzzanese. E poi proprio di fronte la nostra azienda c’è un avvallamento grande quattro metri, che fa tremare le auto di passaggio e potrebbe provocare altri incidenti».

La richiesta è dunque quella di intervenire nell’immediato per sistemare i punti più critici, a tutela della sicurezza e dell’incolumità pubblica degli automobilisti. Perché sul vialone del Melani transitano migliaia di veicoli al giorno in entrambe le direzioni, compresi i mezzi pesanti, che mettono a rischio la sua stabilità. Quindi la probabilità di incidenti è molto alta.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

Primo piano
L’inchiesta

Crollo all’Esselunga di Firenze, gli investigatori si concentrano sul “dente” della trave: cos’è e perché potrebbe aver ceduto – Video

di Matteo Leoni
Le nostre iniziative