Il Tirreno

Lutto

Muore d’infarto a 48 anni, era padre di due figli

Muore d’infarto a 48 anni, era padre di due figli

Originario di Marina di Carrara, si era trasferito nel Milanese

04 luglio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





CARRARA. Accusava un po’ di senso di spossatezza da alcuni giorni, da qui la decisione di farsi vedere in ospedale. Ma in realtà si trattava di un problema al cuore, e a soli 48 anni è deceduto, proprio in ospedale. Stiamo parlando di Claudio Vennai, sposato, padre di due figli. Si era trasferita da diversi anni a Sesto San Giovanni, perché aveva conosciuto una giovane del Milanese, Daniela, e l’aveva seguita, e qui aveva messo su famiglia, ma lui è carrarese e molto conosciuto. I suoi genitori sono Luciano Vennai e la signora Feliciana, per anni titolari di Fotocolor Vennai a Marina di Carrara, e per molto tempo anche Claudio ha lavorato nel negozio.

Come detto, poi il trasferimento nel Milanese, dove aveva lavorato in una catena di elettronica, e poi più recentemente, era alle dipendenze di una società che si occupa di pulsanteria di pregio, e infatti era stato in trasferta anche in provincia prezzo aziende importanti. Oltre che d’estate per dei periodi di vacanze, altre volte veniva a trovare i genitori e la sorella Cristina, era da poco diventato zio e amava molto i bambini, anche da genitore era molto legato ai suoi figli, e all’Oratorio della sua Parrocchia a Sesto aveva organizzato una squadra di calcio. Lo ricordano con affetto chi lo conosceva, come il cugino Maurizio Cordiviola, o Alida Vatteroni, che come altri sono partiti ieri pomeriggio da Marina di Carrara per essere presenti ai funerali a Sesto San Giovanni e stringersi attorno alla moglie e ai bambini, ma anche ai genitori e alla sorella, saliti nel Milanese appena venuti a conoscenza di quel dramma improvviso che aveva colpito la famiglia. La notizia si è sparsa in fretta anche sui social e moltissime sono state le testimonianze di vicinanza alla famiglia e a quanti lo conoscevano. «Era una persona per bene, un bravo ragazzo che era sempre disponibile per tutti», sintetizza sempre Maurizio Cordiviola.

E altri ricordano i momenti spensierati della gioventù.

Poco tempo fa, Claudio Vennai giocando in casa si era rotto una clavicola, e quindi era in convalescenza, ma non risulta assolutamente che ci siano possibili collegamenti con quanto accaduto lunedì, con le complicazioni cardiache che hanno provocato il decesso.

M.B.
 

Primo piano
Ambiente

«No alla nuova funivia»: rivolta contro l’ecomostro sull’Appennino tosco-emiliano. I motivi della protesta

di Cristiano Marcacci
Sport