Il Tirreno

Lucca

Lucchese. Avanti tutta in Coppa. Quarti agguantati ai supplementari

di Michele Masotti
Rizzo Pinna esulta
Rizzo Pinna esulta

La decide Russo dopo la girandola di emozioni con la Juve Next Gen (3-2)

29 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





LUCCA. La forza di ribellarsi a un destino cinico e baro per ottenere la qualificazione ai quarti di finale di Coppa Italia, traguardo che mancava dalla stagione 2006-07. Sperando in tempi migliori pure in campionato, in questo senso sarà fondamentale il derby di Arezzo di sabato, la Lucchese continua, con pieno merito, l'avventura in questa competizione estromettendo la Juventus Next Gen. Un 3-2 frutto di una poderosa rimonta nel secondo tempo supplementare dopo che i rossoneri, ancora una volta non proprio cinici considerando la grossa mole di occasioni prodotta, avevano corso il rischio di una beffa. Nel prossimo turno, in programma mercoledì 13 dicembre, i ragazzi di Gorgone affronteranno in trasferta la vincente di Avellino-Juve Stabia. Rispetto alla debacle interna contro la Vis Pesaro, Gorgone mantiene il 4-2-3-1 cambiano nove undicesimi. Si rivedono, tra gli altri, Perotta,Sueva, Yeboah e Romero, mentre la coperta corta difensiva costringe agli straordinari sia Quirini che Sabbione. In un primo tempo alla camomilla, una consuetudine di questa manifestazione, le occasioni scaturiscono da movimenti errati piuttosto che da elaborate manovre. Al 14’ la sponda volante di Cerri pesca libero sul secondo palo Anghelè, generoso nel graziare Coletta calciando sopra la traversa. Nel finale di frazione meglio i rossoneri, trascinati dal solito Rizzo Pinna, vicini al vantaggio dapprima con un assolo di Romero, poi con Sabbione il cui colpo di testa viene salvato sulla linea da Stivanello. La ripresa diventa un monologo di marca locale, con Scaglia che diventa per distacco il migliore dei suoi. Il 19enne estremo difensore neutralizza le conclusioni di Sueva e Yeboah. Nulla può, però, all'82' sul rasoterra vincente di Rizzo Pinna. Cinque centro stagionale per il 23enne bergamasco, l'uomo in più di Gorgone in questa fase di stagione. Quando sembrano scorrere i titoli, un intervento in ritardo di Merletti su Anghelè concede un penalty alla Juve, che il subentrato Palumbo trasforma con freddezza. La contesa viene allungata ai supplementari, dove il trainer romano utilizza l'artiglieria pesante inserendo Gucher, Russo, Magnaghi e Guadagni. Dopo un'altra bella parata di Scaglia su Yeboah, match in crescendo il suo, gli ospiti ribaltano il punteggio con Guerra, scattato in posizione di fuorigioco sul filtrante di Mulazzi, che buca sul primo palo un Coletta non esente da colpe. Negli ultimi 15 la Lucchese si riprende quanto meritato sul campo. Al 9' del secondo tempo supplementare Magnaghi pareggia con un'incornata. Ci pensa Russo, liberato dal tacco di Yeboah, a scacciare lo spettro della lotteria dei rigori.


 

Primo piano
La guida

Pensioni anticipate e lavori usuranti: via alle richieste. I requisiti e la scadenza per le domande

di Leonardo Monselesan
Le nostre iniziative