Il Tirreno

Lucca

il mondo del commercio 

Locale aperto in pandemia e subito ampliato: la sfida

Rossella Lucchesi
Locale aperto in pandemia e subito ampliato: la sfida

Umberto Costa, 29 anni, ha investito il futuro sulla pizzeria che porta il suo nome e si trova in piazza Napoleone: ha inglobato anche il fondo che era di Sky Stone

30 agosto 2021
3 MINUTI DI LETTURA





Rossella Lucchesi

LUCCA. Ha investito tutte le sue risorse economiche, mettendo a frutto l’esperienza accumulata in dieci anni di lavoro in giro per il mondo. Tanti sacrifici, ma anche tanto entusiasmo e soprattutto coraggio per decidere di iniziare un’avventura imprenditoriale in un momento storico particolarmente complicato come quello attuale. «Ma se non mi lanciavo adesso che sono giovane, quando avrei dovuto farlo?», dice Umberto Costa che dopodomani, primo settembre, compie 29 anni e ha trascorso la gioventù lavorando giorno e notte per farsi una posizione.

Ce l’ha fatta, anche se ha dovuto sudare le proverbiali sette camicie, affermandosi come uno dei migliori pizzaioli su piazza nazionale e guadagnando le prime posizioni ai campionati mondiali di pizza del 2018 a Las Vegas, dove si è distinto nelle categorie pizza napoletana e acrobatica. Oggi Umberto, che è nato a Palermo, ma vive a Lucca da quando aveva pochi mesi, ha realizzato il sogno di aprire un locale nella sua città, in piazza Napoleone, a due passi dalla propria abitazione. Però ne ha fatta di gavetta, iniziando dal basso con umiltà e la voglia di imparare quel mestiere che gli sta dando tante soddisfazioni e che un giorno spera gli permetta di aprire altri locali in Italia e a Dubai.

A novembre 2013, quando Umberto aveva solo 21 anni svolgeva lavoretti saltuari come elettricista e rider, avendo dovuto abbandonare gli studi all’istituto Giorgi per aiutare la famiglia. Ma quella vita senza prospettive gli stava stretta. Voleva volare alto. «Con i soldi guadagnati – racconta – presi un aereo per Londra. Non conoscevo una parola di inglese, ma negli oltre tre anni di permanenza in Inghilterra, ho imparato anche lo spagnolo. Trovai lavoro come lavapiatti in un ristorante giapponese che lasciai dopo tre mesi per trasferirmi in una pizzeria italiana. Anche qui lavavo i piatti – aggiunge – ma ebbi la possibilità di imparare a fare la pizza. Dopo un anno e mezzo mi fu assegnata la gestione di una pizzeria di una grande catena, di cui faceva parte il maestro pizzaiolo Marco Fuso che è stato il mio mentore e oggi è un grande amico».

Grazie a lui, Umberto impara a lavorare la pasta della pizza lanciandola in aria a ritmo di musica e compiendo acrobazie da giocoliere provetto, attraverso esercizi di destrezza e abilità. Nel 2016 il giovane pizzaiolo parte per l’Australia, dove si ferma circa tre anni in un noto locale di Sidney, prima di rientrare in Italia. Di esperienza ne ha accumulata tanta anche nel settore della panificazione e ha messo da parte un gruzzoletto. È il momento di mettersi in proprio e aprire un locale tutto suo. Individua un piccolo fondo in piazza Napoleone, adiacente il negozio di dischi Sky Stone, che recupera in poco tempo, per aprire il primo febbraio 2020. «Un mese dopo racconta ancora – arriva la pandemia e porta la chiusura, poi le note restrizioni e le aperture a singhiozzo. Ma non mi arrendo. Devo realizzare il mio sogno e sono pronto a osare, anche perché, nel frattempo il negozio di musica si è trasferito in via Veneto e ho potuto ampliare il mio locale». In piena emergenza sanitari, Umberto si rimbocca nuovamente le maniche, deciso a sfondare.

Oggi lavora nel suo locale con circa cento posti tra interno e spazi all’aperto, aperto all’inizio dell’estate, con il supporto di otto collaboratori. Sparita la parete che divideva i due vecchi fondi, il locale adesso è molto più ampio. L’unica testimonianza del passato è la colonna con decine di autografi dei cantanti che negli anni sono stati ospiti del negozio di dischi.

La pizzeria “Da Umberto” prepara pizze napoletane contemporanee, le uniche a Lucca preparate con l’utilizzo del metodo indiretto detto biga, ma anche le gustose focacce padellino ai tre fermenti, farcite con prodotti genuini. Specialità della casa, la pizza “da Umberto” con mozzarella fior di latte, patate al forno, stracchino e pancetta di cinta senese.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

In evidenza
Nei cieli

Forti turbolenze sul volo Londra-Singapore: un morto e diversi feriti. Cosa è successo: le ipotesi – Video

Sport