Il Tirreno

Livorno

Livorno calcio
Calcio: Serie D

Livorno, finale agrodolce contro la Trestina: vittoria, ingresso nei playoff e contestazione

di Daniele Marzi
Livorno, finale agrodolce contro la Trestina: vittoria, ingresso nei playoff e contestazione

Dalla Curva Nord, anche stavolta vuota al centro, è proseguita per tutta la partita la polemica contro la società presieduta da Joel Esciua

28 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





Livorno L’ultima apparizione del Livorno edizione 2023/24 all’Ardenza coincide con una vittoria (2-1 sullo Sporting Trestina) che lascia il tempo che trova, anche se dà la certezza matematica dell’ingresso nelle prime cinque, e quindi della disputa dei playoff. In un clima surreale, se possibile ancor più triste di quello della gara contro la Sangiovannese, Livorno e Sporting Trestina hanno dato vita a uno spettacolo dignitoso, per essere comunque una gara di fine stagione. Il tutto mentre dalla Curva Nord, anche stavolta vuota al centro, è proseguita per tutta la partita la contestazione alla società presieduta da Joel Esciua, con cori per l’intera durata della partita. Buono il primo tempo della formazione di Pascali, che è apparsa tonica e volenterosa al cospetto di un avversario che ha provato a giocare a viso aperto. In avanti vivace la batteria schierata dal tecnico amaranto, con Matteo Frati alle spalle dell’inedita coppia formata da Rossetti e dal giovane Marinari. Spinge sin dall’inizio la formazione amaranto, che batte angoli e punizioni in serie nei primi minuti di gara. Al 24’ la gara si sblocca, con una bella conclusione dalla lunga distanza di Matteo Frati, che vede il portiere umbro mal posizionato e lo beffa con un sinistro ben calibrato. Gli ospiti reagiscono e alzano il baricentro, senza però riuscire a creare grossi grattacapi alla difesa amaranto. Il secondo tempo, iniziato con dieci minuti di ritardo per rispettare il crisma della contemporaneità, visto l’inizio in ritardo della gara di San Giovanni Valdarno (per la morte improvvisa di un dirigente del sodalizio azzurro) si apre praticamente con pareggio del Trestina (12’): ottima azione corale della formazione umbra con il bomber Tascini che serve un cioccolatino in area per Di Nolfo che controlla e supera Alberi con un rasoterra ben indirizzato. Passano quattro minuti e il Livorno torna in vantaggio: punizione guadagnata da Nardi dal limite dell’area. Bellini batte subito a sorpresa e serve Marinari, che controlla alla grande e fulmina Pollini con un bel diagonale angolato, lasciandosi poi andare alla giusta esultanza. Per l’attaccante livornese classe 2005, proveniente dalla formazione Juniores, è il primo gol tra i grandi. Peccato per l’infortunio che poco dopo lo ha costretto ad uscire. Nel finale il Livorno ha sprecato un paio di occasioni per chiudere la gara (una abbastanza clamorosa con Camara) ma anche lo Sporting Trestina ha mancato in un paio di occasioni il bersaglio grosso. Per il Livorno arriva la certezza della disputa dei playoff. Una consolazione magrissima, nel giorno in cui la Pianese festeggia la promozione in Serie C.

Primo piano
La sfida dell’energia

Geotermia in Toscana, la partita delle concessioni e degli extra profitti: oggi valgono 600 milioni all’anno

di Mario Neri
Cinema in Toscana