Il Tirreno

Livorno

Basket: Serie B

C’è festa al Casale, offre la PL

di Alessandro Bernini
C’è festa al Casale, offre la PL

Grande prova autoritaria e altra vittoria in trasferta, decisivo il 4-21 nel terzo quarto. Cinque uomini in doppia cifra, Cardani fa le scelte perfette e primo posto al sicuro

27 febbraio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





INVIATO A CASALE. Nella terra degli agnolotti e dei krumiri, anche la PL torna a casa a pancia piena. Una bella cena di classe, senza abbuffarsi: meglio fare i salutisti perché di battaglie ce ne sono ancora tante e non solo con le forchette.

La legge del più forte

Vince la PL perché squadra vera, che si chiude e si stringe come un pugno nei momenti difficili. Ancora senza Piazza (arriverà un nuovo play entro domani) e dunque con Rubbini costretti agli straordinari, stavolta l’arma in più sono stati i cinque uomini in doppia cifra (Campori, Rubbini, Lenti, Loschi e Lo Biondo). Ma la PL è stata bravissima anche nel controllo della partita dopo aver piazzato il break nel secondo quarto, e “controllare” non è mai stata una dote nel dna di questa squadra. Quindi merito in più.

Molto bene anche sottocanestro (39 rimbalzi contro 29 di Casale), forse unico neo le 19 palle perse ma è bene ricordarsi sempre l’assenza di un play vero.

Bravo Cardani

È la vittoria anche di Marco Cardani, allenatore bravo, ma bravo, di cui spesso non si esaltano abbastanza i meriti. Faccia pulita, idee chiare, squadra in pugno e un basket 3.0 fatto di intensità ma non corri e tira forsennato come va di moda adesso. Un predestinato della panchina.

Ieri l’ha incartata al suo collega Cristelli alternando difesa a uomo e zona 3-2, quasi un cambio difensivio a azione con Casale che a un certo punto (soprattutto nel secondo quarto) non c’ha capito più nulla.

Il break decisivo

La partita si è decisa nel secondo quarto. Casale è partito meglio, più “dentro la partita” rispetto a una PL casinista. Dal 14-7 si è passato così al primo tempino chiuso 20-16, con Casale Monferrato che ha pure provato a scappare firmando il massimo vantaggio (più 11) sul 29-18.

Qui c’è stata la svolta. Cardani ha intensificato la zona, Casale ha smesso di fare canestro mentre Loschi e Lenti hanno iniziato a prendersi la scena. Break immediato di 0-7, diventato poi di 2-14 quando Loschi con una bomba ha firmato il sorpasso (31-32) e chiuso sul 4-21 con due liberi di Lenti che hanno portato la PL avanti di 6 (33-39) all’intervallo lungo.

Arbitri e regalini

A quel punto la PL ha preso in mano la partita. Solo gli arbitri, con una serie di fischi assurdi escelte cervellotiche hanno riportato in partita Casale. A un certo punto, sul 56-65, si sono inventati tre tiri liberi su un fallo commesso da Lenti durante il palleggio dell’avversario, con tanto di tecnico alla panchina. In un attimo siamo andati così sul 60-65 ma subito Lo Biondo con una bomba ha rimesso le cose a posto (60-68).

E da lì, da padrona, la PL la portata in fondo. Con merito. Da squadra più forte. Da capolista.
 

Primo piano
L’emergenza

Talamone, è morta la balena che era rimasta incastrata in porto – Video

di Ivana Agostini