Il Tirreno

Livorno

L’operazione

Livorno, abbandonavano i rifiuti nel parco: multati

Livorno, abbandonavano i rifiuti nel parco: multati

Gli ispettori ambientali dell’Aamps in azione in via Lega. Analoghi interventi sono stati realizzati in via Guarducci, via della Madonna e piazza Matteotti

22 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. Stava diventando una consuetudine. Invece di differenziare correttamente i rifiuti ed esporli nei giorni e negli orari indicati dal calendario di zona,  riempivano sacchi neri di materiale vario lasciandoli nel giardino pubblico a fare bella mostra sotto gli alberi. Il fenomeno non poteva passare inosservato ai cittadini di Banditella che hanno coinvolto il servizio Segnala-Li del Comune e, conseguentemente, gli ispettori ambientali di Aamps. Quest’ultimi si sono recati sul posto in via Lega, all’angolo con via Sarti, e non hanno avuto difficoltà ad individuare varie utenze domestiche a cui saranno elevate le opportune sanzioni in linea con quanto indicato dal “Regolamento comunale per la gestione dei rifiuti urbani ed assimilati, per la raccolta differenziata dei rifiuti e per altri servizi di igiene ambientale”.

Analoghi interventi sono stati realizzati in via Guarducci, via della Madonna e piazza Matteotti. In quest’ultimo caso interessando anche un esercente recidivo nel lasciare continuativamente incustoditi sul suolo pubblico i contenitori per la raccolta differenziata dei rifiuti. A seguito di tutte le operazioni sono intervenuti prontamente gli operatori di quartiere e le squadre di pronto intervento a ripristinare le migliori condizioni di pulizia delle strade.

«Ci tengo a rimarcare – commenta l’assessora comunale all’ambiente, Giovanna Cepparello – che molti interventi degli ispettori ambientali e della polizia municipale sono realizzati su indicazione dei cittadini che, come noi dell’amministrazione, non sono disposti a tollerare alcuno scempio che deturpa l’immagine della città. Nello specifico ringrazio i tecnici del nostro ufficio ambiente per lo scrupolo con cui si stanno adoperando in questa direzione insieme ad Aamps, ma anche gli amministratori che per queste occasioni si sono resi partecipi sia nel sensibilizzare ulteriormente gli abitanti dei condomìni di riferimento alle buone pratiche sulla raccolta differenziata sia nel fornire elementi utili ai nostri controlli per rintracciare gli autori di questi gesti incivili che deturpano l’ambiente».

Primo piano
Bolkestein

Concessioni balneari, la Toscana “brucia” Roma: c’è l’indennizzo per chi perde l’asta. Chi esulta e chi è perplesso

di Mario Neri