Il Tirreno

Energia

Bollette del gas, calo dell’1,3% a novembre ma rispetto al 2020 le famiglie spendono il 56% in più

Bollette del gas, calo dell’1,3% a novembre ma rispetto al 2020 le famiglie spendono il 56% in più

Diminuiti i costi della materia prima. Ma le associazioni dei consumatori spiegano: «Significa spendere 19 euro in meno su base annua»

04 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Frena a novembre il costo della bolletta del gas per le famiglie in regime tutelato scendendo dell'1,3% rispetto a ottobre. Un piccolo calo che soddisfa a metà le associazioni dei consumatori anche perché, come rileva Arera, la riduzione va legata essenzialmente alla diminuzione dei costi della materia prima.

Nel dettaglio, secondo quanto comunicato da Arera, a novembre il prezzo del gas è pari a 42,53 euro e la variazione complessiva pari a -1,3% per la famiglia tipo per il mese di novembre è determinata interamente da questa diminuzione. Rimangono invece invariati gli oneri generali e la tariffa legata alla spesa per il trasporto e la misura.

La spesa per le famiglie

In termini di effetti finali, secondo i calcoli di Arera, la spesa gas per la famiglia tipo nell'anno scorrevole (dicembre 2022 - novembre 2023) è di 1.431 euro circa, al lordo delle imposte, e risulta in calo del 17,7% rispetto ai 12 mesi equivalenti dell'anno precedente (dicembre 2021 - novembre 2022).

Calcoli che convincono a metà i consumatori. «Bene il calo del gas, anche se non si può certo dire che susciti entusiasmo, essendo pari ad appena 19 euro su base annua - sottolinea Marco Vignola, responsabile del settore energia dell'Unione Nazionale Consumatori - Dimostra, però, che il rialzo del 12% di ottobre non dipendeva solo dalla stagionalità ma da una speculazione, visto che a novembre la domanda di gas sale rispetto al mese precedente, essendo i riscaldamenti accesi non solo nella zona climatica E, come Milano, ma anche nella D (Roma, Firenze, Genova) e dal 15 novembre nella C (Napoli, Bari e Cagliari). Ora chiediamo al Governo di prorogare il mercato tutelato e di rinnovare tutti gli sconti in bolletta almeno per 6 mesi, ripristinando anche quelli sulla luce, scaduti dal 1° aprile 2023».

L’effetto sulla spesa annua

Unc aggiunge poi che sulla base di un suo studio per una famiglia tipo in tutela il -1,3% «significa spendere 19 euro in meno su base annua, 18,90 per la precisione. La spesa totale nei prossimi dodici mesi (non, quindi, secondo l'anno scorrevole, ma dal 1° novembre 2023 al 31 ottobre 2024, nell'ipotesi di prezzi costanti) passa così da 1486 a 1467 euro, che sommati ai 764 della luce, determinano una stangata complessiva pari a 2231 euro. Se il prezzo del gas scende dell'1,3% rispetto a quello di ottobre 2023 e del 14,4% rispetto a novembre 2022, rispetto ai tempi pre-crisi, ovvero nel confronto con novembre 2020, il rialzo è invece astronomico: +56,2%. Rispetto alla spesa complessiva del 2020, pari a 975 euro, ora si pagheranno 492 euro in più, +50,5% per cento», fa presente Unc.

Le reazioni

Caute anche le valutazioni di Assoutenti secondo cui «la riduzione delle tariffe del gas dell'1,3% a novembre determinerà un risparmio da 19,3 euro a famiglia su base annua rispetto ai prezzi di ottobre, con la bolletta del gas che, dopo i forti aumenti registrati nel mese precedente, si attesta a 1.466,7 euro a nucleo: se si considera anche la spesa per la luce salita del +18,6% nell'ultimo trimestre dell'anno con la bolletta media pari a 764 euro, il conto complessivo per luce e gas a carico di una famiglia del mercato tutelato raggiunge quota 2.230 euro annui».

«Con le nuove tariffe il prezzo del gas risulta più caro dell'8,1% rispetto allo stesso periodo del 2021, e addirittura del 56,1% sul 2020" - spiega il presidente Furio Truzzi - La cosa importante oggi è accompagnare nella massima trasparenza le famiglie al mercato libero e, soprattutto, consentire la libertà di scelta e mettere limiti stringenti ai call center truffaldini e disturbatori degli utenti».

Primo piano
La decisione

Studenti manganellati a Pisa e Firenze: rimossa una dirigente del reparto mobile

Le nostre iniziative