Il Tirreno

Grosseto

Toscana economia

Argentario, sono tornate le navi da crociera: per il 2022 prenotati 15 scali

Argentario, sono tornate le navi da crociera: per il 2022 prenotati 15 scali

Palombo: «È il segnale della ripresa dopo lo stop imposto dal Covid». Atlantis, Seadream I, Phoenix 2 i mega yacht nelle acque del Promontorio 

30 agosto 2021
3 MINUTI DI LETTURA





MONTE ARGENTARIO. Al largo del Promontorio tornano le navi da crociera. Sono quindici gli scali già prenotati per l’anno prossimo.

Oltre ai ripetuti scali del bellissimo veliero “Atlantis” battente bandiera olandese, che dalla fine del mese di luglio scala regolarmente a Porto Santo Stefano, per portare i suoi allievi di vela nelle acque della Maremma, a breve riprenderanno anche gli scali delle navi da crociera. «Stavamo andando alla grande – spiega Fabrizio Palombo, direttore tecnico di Portargentario – e, nel 2020, avevamo 25 scali prenotati. Poi il Covid ha fermato tutto. Adesso stiamo assistendo a una ripresa che lascia ben sperare per il futuro».

“Il Covid ha distanziato tutto il mondo, ma ora ci unisce la comune volontà di ripartire”. Questo è uno degli spot con i quali i rappresentanti di Portargentario hanno continuato sempre a tenersi in contatto con il mondo della crocieristica e dello yachting e i risultati cominciano a essere evidenti. Durante i mesi di luglio e di agosto, ormai giunto al termine, numerosi sono stati gli scali di grandi e bellissimi yacht nelle acque dell’Argentario, del Giglio, di Giannutri, fino a Punta Ala e Scarlino e ciò ha senz’altro rimesso in moto il turismo nautico. I mega yacht che hanno gettato l’ancora all’Argentario sono stati circa un centinaio. «Anche questo è un segno positivo della ripartenza» dice Palombo.

La prima nave da crociera è già arrivata sabato scorso anche se non ha fatto scendere i passeggeri che però hanno cenato con la vista sul suggestivo borgo di Porto Ercole. «Si è trattato – spiega Palombo – della sosta tecnica della Seadream I che, durante un charter, si è fermata per alcune ore nella rada di Porto Ercole, senza sbarcare i passeggeri, ma solamente per far gustare loro uno scenario veramente fantastico. La stessa nave ripeterà poi uno scalo ordinario, con discesa dei passeggeri per l’intera giornata, il 10 settembre, sempre a Porto Ercole, e il 31 ottobre effettuerà lo scalo a Porto Santo Stefano».

E ancora: «Indubbiamente l’annata è stata un po’avara di scali per un comprensorio che si era aggiudicato il Clia best italian cruise destination award nel 2019, ma i circa quindici scali già programmati per la stagione 2022 lasciano ben sperare per la ripresa del settore crocieristico che è risultato in flessione in tutto il Mediterraneo».

La speranza della ripartenza a grandi livelli aumenta anche perché ci sono già prenotazioni anche per il 2023. Dieci gli scali già prenotati, riferisce Palombo. Portargentario garantirà naturalmente la sicurezza del rispetto delle norme anti Covid.

In questi giorni, le acque dell’Argentario hanno anche visto un altro super yacht: “Phoenix 2” di 90 metri, famoso per avere la polena con la fenice è alla fonda davanti a Porto Santo Stefano. Artemare Club lo ha avvistato. Si tratta di un’imbarcazione costruita nel 2010 da Lurssen – Bremen e ristrutturato nel 2011, il suo design esterno e interno di Winch Design. Phoenix 2 ha scafo in acciaio e sovrastruttura in alluminio, è dotato di un sistema di stabilizzazione ultramoderno per ridurre l’effetto del movimento di rollio e garantire il massimo comfort durante la navigazione. È l’80 esimo yacht nel mondo per grandezza ha una perfetta combinazione di prestazioni e lusso, con una velocità di crociera di 14 nodi e massima di 18 nodi. Può ospitare fino a dodici persone in sei camere.

I.A.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Politica e soldi

Le elezioni europee sono un grande affare: ogni eletto intasca 1,2 milioni

di Mario Neri
Ciao Franchino