grosseto
cronaca

Ha vinto 5 milioni e regalerà soldi per realizzare un centro disabili - Video

Grossetana era stata baciata dalla fortuna una settimana fa.  Aiuterà una coppia a coronare il suo progetto sociale


20 settembre 2018 Elisabetta Giorgi


GROSSETO. A stento arriva a fine mese e paga l’affitto di casa. Ha 50 anni, è grossetana. Si arrangia come può facendo lavoretti domestici. E ora che la fortuna l’ha premiata – il 12 settembre ha vinto 5 milioni di euro con il Gratta e vinci (una possibilità su 7 milioni e mezzo) – ha deciso che farà due cose: la prima è comprarsi la casa in cui rischia lo sfratto. La seconda è devolvere in beneficenza la maggior parte della colossale vincita per aiutare gli altri. Amici, associazioni, bisognosi: in pochi giorni si è già fatta una lista di beneficiari, grossetani e non.

«Quel che non ho potuto avere in vita mia voglio che l’abbiano gli altri», ha fatto sapere lei a un amico, cui ha detto di voler regalare una grossa somma di denaro per aiutarlo a realizzare un suo progetto: realizzare un centro per disabili nelle campagne di Grosseto. Quest’amico è Gianluca d’Ascoli, 42 anni, grossetano, che lavora per una multinazionale e ha uno spiccato senso del sociale. È lui a raccontarci questa storia.



Segnato dalla morte della nipote Rita – uccisa da una malattia cinque anni fa a 19 anni – Gianluca spiega che il suo sogno è sempre stato quello di aiutare gli altri, disabili e bimbi. Con la compagna Valentina Fabbrini, titolare di una tabaccheria in via Liri col fratello Riccardo, D’Ascoli vorrebbe rilevare nelle campagne di Braccagni un podere diroccato di 800 mq e ristrutturarlo a fini sociali. Ma non è facile.

«Il casale risulta proprietà delle Pie Disposizioni di Siena – racconta lui – Vi lavorava come fattore il nonno della mia compagna. Per questo c’è un valore affettivo. L’idea è quella di ristrutturarlo e costruirvi un asilo a costo zero per le famiglie bisognose, un ristorante con lavoratori portatori di handicap, una struttura ricettiva a basso costo per famiglie in difficoltà, una piscina per la riabilitazione, ippoterapia».

La proprietà però non si decide. «Nonostante tante richieste da parte nostra per acquisire e rianimare il casale in malora – continua D’Ascoli – nulla si muove e a niente è valso l’incontro con il sindaco di Grosseto e alcuni assessori ai quali abbiamo chiesto aiuto. Mi hanno detto che è un bellissimo progetto ma nulla di più». Tutto è in stand by e tra l’altro, viste le condizioni del rudere, serviranno parecchi soldi.

Ma ecco che due giorni fa si è fatta viva la signora che ha vinto 5 milioni di euro. Un giorno la donna ha comprato un biglietto proprio nella tabaccheria di Valentina (compagna di Gianluca) e l’ha grattato. «Ma ci sono tutti questi zeri...?» ha chiesto alla negoziante con occhi sgranati. Sì. C’erano sei zeri. Valentina ha convalidato il biglietto milionario mentre la donna, incredula, è scoppiata a piangere fuggendo via. «Da quel momento in poi non l’abbiamo più vista e in tabaccheria non è più venuta – racconta Gianluca – Ora abbiamo capito che si stava riorganizzando la vita. Due giorni fa mi ha telefonato per chiedermi di andare a casa sua. Doveva parlarmi di una cosa. “Tu e Valentina - mi ha detto - mi avevate parlato del un progetto di un centro disabili. In passato avrei voluto aiutarvi ma non avevo soldi. Ora ce li ho. E voglio farvi una donazione”».

Una donazione grossa (di cui Il Tirreno non rivela la cifra, come richiesto). «Sono commosso – conclude D’Ascoli - perché la vita per lei non è stata facile. È una donna buona e anche quando non aveva nulla ha sempre aiutato chi aveva bisogno. Oggi può comprarsi la casa dove rischiava lo sfratto e continuare ad aiutare le persone. Tra queste ci siamo noi. Ha deciso di “premiarci” affinché coroniamo il nostro sogno di realizzare un centro per aiutare le persone in difficoltà». 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.