Il Tirreno

Empoli

Empoli. Gli azzurri nella zona rossa ma con il miglior ruolino di marcia

Empoli. Gli azzurri nella zona rossa ma con il miglior ruolino di marcia<br type="_moz" />

Nessuna tra le squadre in lotta per la salvezza ha fatto meglio nelle ultime 10 giornate Nicola è l’allenatore subentrato che finora è riuscito a ottenere di più in campionato

04 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





EMPOLI.  A otto giornate dal termine del campionato è giusto armarsi (oltre che di pazienza) anche di taccuino e calcolatrice per fare un po’ di conti e spulciare la situazione delle avversarie dell’Empoli nella corsa salvezza. Se è vero che l’arrivo di Davide Nicola a gennaio sulla panchina azzurra ha indubbiamente rappresentato un momento di svolta per la stagione, l’ultimo periodo impone una riflessione e costringe per certi versi a guardare anche “in casa d’altri” per giudicare lo stato di forma delle rivali che vogliono rimanere aggrappate con le unghie e con i denti alla cara vecchia Serie A. Le otto squadre che attualmente stanno lottando per la salvezza (l’aritmetica ancora non condanna la Salernitana, ultima a 14 punti) sono Lecce, Udinese, Verona, Cagliari, Frosinone, Empoli, Sassuolo e – per l’appunto – Salernitana. Il Genoa, dodicesimo in classifica, dopo il pareggio con il Frosinone ha raggiunto quota 35 punti, accumulando quindi dieci lunghezze sulla zona rossa (occupata da Empoli e Frosinone appaiate a 25), quindi può lecitamente considerarsi “virtualmente” salvo. La bagarre comincia sotto e vede quindi otto squadre lottare per evitare le ultime tre posizioni della graduatoria che varrebbero la retrocessione in B. Guardando il lungo periodo, ovvero le ultime dieci giornate, lo stato di forma migliore lo detiene ancora l’Empoli, nonostante gli ultimi brutti risultati: dall’arrivo di Davide Nicola sulla panchina azzurra sono arrivate tre vittorie e tre pareggi, “tradotti” in dodici punti. Nessuna delle dirette concorrenti per la salvezza ha fatto meglio: Verona e Udinese hanno raggranellato dieci punti nelle ultime dieci giornate, il Cagliari nove, il Lecce otto, il Frosinone sei, il Sassuolo cinque e la Salernitana due. L’altro parametro a cui far riferimento è quello rappresentato dalle ultime cinque giornate di campionato. In questa ulteriore “classifica” la squadra che ha fatto meglio è il Cagliari. I rossoblù di Ranieri infatti hanno raccolto otto punti nelle ultime cinque giornate, facendo meglio di Verona (sette), Udinese e Lecce (cinque), Sassuolo (quattro), Empoli (tre), Frosinone e Salernitana (due). Il momento di svolta per i sardi è stato senz’altro il successo il mese scorso al “Castellani” proprio contro l’Empoli: un risultato giunto alla ventisettesima giornata che ha di contro segnato uno spartiacque nella stagione dell’Empoli targato Nicola. Dopo quella sconfitta infatti gli azzurri non sono più riusciti a trovare il risultato positivo che manca ormai da sei giornate (la vittoria per 3-2 in casa del Sassuolo nell’ultimo match di febbraio, la ventiseiesima giornata di campionato).

Certo, il ruolino di marcia collezionato all’inizio dal tecnico di Luserna San Giovanni è invidiabile e rimane l’allenatore subentrato che (per ora) ha fatto più punti, ma proprio per non disperdere quel prezioso capitale è bene invertire subito la rotta, a partire dal match di sabato che vedrà l’Empoli impegnato in casa contro il Torino. Luperto e compagni scenderanno in campo conoscendo il risultato dello scontro diretto che andrà in scena la sera prima fra Salernitana e Sassuolo: un pari o, peggio ancora, una vittoria dei neroverdi in Campania potrebbe costare caro in termini di classifica, con gli azzurri che si troverebbero appaiati alla squadra di Ballardini o, peggio ancora, scavalcati, scendendo in penultima posizione.

Uno scenario da scongiurare raccogliendo senza se e senza ma i tre punti con i granata il giorno successivo. Senza dimenticare di tenere d’occhio il Lecce (che sabato alle 15 sarà impegnato a San Siro contro il Milan), avversario dell’Empoli nella giornata successiva, il 13 aprile, quando andrà in scena lo scontro diretto al “Via del Mare”.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
Le celebrazioni

25 Aprile, piazza della Signoria gremita: Stefano Massini legge il monologo di Scurati – Video