Il Tirreno

FRANTOIO ROSSI

L’olio buono e di qualità del Frantoio Rossi, dall’oliva alla tavola

L’olio buono e di qualità del Frantoio Rossi, dall’oliva alla tavola

Dal 2017 la Società Agricola Poggio Carlo dei fratelli Rossi, produce un olio di grande eccellenza, grazie al Frantoio Rossi, alla qualità delle olive monovarietali e alla massima attenzione alla lavorazione, frutto di esperienza e passione, da tre generazioni.   

30 aprile 2021
3 MINUTI DI LETTURA





Dall’amore per la terra, quella generosa di profumi e sapori della Maremma nel 2014 nasce la Società Agricola Poggio Carlo dei Fratelli Fabrizio e Fabio Rossi, frutto dell’impegno di tre generazioni di agricoltori che a partire dagli anni ’50 hanno visto sempre più espandersi la loro attività, nell’estensione del territorio e delle colture di cereali, viti e uliveti. Con i suoi 250 ettari di proprietà di cui 30 di vigna, 50 di cereali e 22/25 di uliveti, la produzione dell’olio è diventata oggi il fiore all’occhiello dell’azienda, da quando è nato il Frantoio Rossi. Fabrizio ha sempre avuto una passione per l’olio, da quando faceva il cuoco e il suo sogno era produrlo nell’azienda di famiglia, seguendo tutto il processo di produzione, dalla raccolta, alla trasformazione delle olive, alla vendita.

[[atex:gelocal:il-tirreno:advertorial:1.40218069:gele.Finegil.Image2014v1:https://www.iltirreno.it/image/contentid/policy:1.40218069:1652954158/image/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a]]

«Quando facevo il cuoco - spiega Fabrizio Rossi - mi sono reso conto che l’olio è alla base della cucina italiana, ma è qualcosa di più di un semplice ingrediente da cucina. Così ho iniziato a studiare per il farntoio. Ho girato vari frantoi per cercare il migliore da poter ottenere prodotti di ottima qualità e ho trovato il Frantoio Mori, con cui dal 2017 produciamo l’olio nostro, ma anche per conto terzi, per clienti che vengono a lavorare qua le loro olive. I risultati sono stati positivi e le vendite stanno aumentando di anno in anno». Il Frantoio Rossi è assolutamente all’avanguardia e dotato delle migliori tecnologie, cosa che permette, grazie a significative innovazioni durante il processo di produzione, di ottenere un prodotto finito dalle caratteristiche gusto-olfattive uniche e di eccellenza. «Per produrre un olio di ottima qualità bisogna partire dalle olive – dice Rossi - che devono essere sane e buone. Noi abbiamo fatto una scelta di colture monovarietali, perché ogni tipologia ha una sua qualità specifica, puntando su Pendolino e Leccio del Corno, amaro e piccante, dal gusto molto intenso, con polifenoli molto alti, che sono indici di qualità importanti per l’olio, danno salubrità e leggerezza. Lavoriamo olive in confezioni sottovuoto e sotto azoto».

[[atex:gelocal:il-tirreno:advertorial:1.40218070:gele.Finegil.Image2014v1:https://www.iltirreno.it/image/contentid/policy:1.40218070:1652954158/image/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a]]

[[atex:gelocal:il-tirreno:advertorial:1.40218063:gele.Finegil.Image2014v1:https://www.iltirreno.it/image/contentid/policy:1.40218063:1652954158/image/image.jpg?f=detail_558&h=720&w=1280&$p$f$h$w=d5eb06a]]

«Il Frantoio riesce a trasformare il prodotto in maniera eccellente -  continua - e poniamo la massima attenzione alla temperatura, alla luminosità e all’ossidazione, fattori che possono rovinare la qualità del prodotto. Un olio di qualità deve non esser mai a contatto con luce, ossigeno e calore, ma soprattutto con residui che depositandosi poi sul fondo e formando la cosiddetta "morchia" modificano l'olio facendo partire la naturale fermentazione. Noi nel nostro Frantoio abbiamo un filtro a cartone che in lavorazione continua filtra tutte le impurità dall'olio che esce dal decanter a fine ciclo di lavorazione». La produzione del Frantoio Rossi è di circa 65 quintali di olio, destinati alla vendita a privati, anche diretta al Frantoio con degustazione, e a qualche ristorante. «Siamo usciti sul mercato anche con prodotti bag in box, che è stato dimostrato essere il miglior contenitore per l’olio, poiché all’interno viene messo azoto in modo che l’olio non venga mai a contatto con l’ossigeno».

Indirizzo: Podere Poggio d'Elci, 58054 Scansano GR
Telefono: 349 818 4433
E-mail: poggiocarlo2012@gmail.com
Primo piano
Il brutto gesto

Vandalizzate quattro sculture di Giò Pomodoro in mostra a Pietrasanta