Il Tirreno

Il caso

Addetta alle pulizie sorpresa a rubare all'Esselunga di Livorno

di Stefano Taglione
Il supermercato Esselunga di viale Petrarca, a Livorno
Il supermercato Esselunga di viale Petrarca, a Livorno

La donna è stata sorpresa dalle guardie giurate del supermercato di viale Petrarca e denunciata per tentato furto

11 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. È stata sorpresa a rubare cibo e altri prodotti dagli scaffali dell’Esselunga. Un’addetta alle pulizie che lavorava all’interno del supermercato di viale Petrarca, in quel momento chiuso al pubblico, è stata denunciata per tentato furto. L’episodio è avvenuto nella serata di giovedì 9 maggio, dopo che il punto vendita aveva abbassato le saracinesche (alle 21, come ogni giorno in questo periodo). La donna, dipendente di una società terza e non della catena della grande distribuzione organizzata, è stata colta in flagrante dalle guardie giurate in servizio nel negozio, che l’hanno vista rubare i beni di prima necessità (ma non solo, stando a quanto appurato) attraverso gli impianti di videosorveglianza installati nei vari punti del centro commerciale, le cui telecamere inquadrano praticamente tutte le corsie e anche gli spazi all’esterno delle casse.

Per l’azienda di Limito di Pioltello è venuto meno il rapporto di fiducia con la lavoratrice dell’indotto, che per questo motivo nel pomeriggio di venerdì 10 maggio è stata denunciata in questura dal responsabile del punto vendita per il reato di tentato furto. Nella stessa serata, dopo che i vigilanti avevano sorpreso la donna a rubare i prodotti, all’interno del supermercato erano intervenuti gli agenti della Squadra volante dell’ufficio prevenzione generale e soccorso pubblico della polizia di Stato, diretti dal commissario capo Alessio Del Gigia, che avevano identificato sia la dipendente della ditta terza, sia le stesse guardie giurate che, immagini delle telecamere alla mano, la accusavano di aver sottratto merce in vendita dagli scaffali.

All’arrivo delle forze dell’ordine la dipendente dell’indotto era ancora sul posto e la merce, recuperata dagli addetti alla sicurezza del punto vendita che avevano assistito all’episodio contestato e non risultata danneggiata, è stata poi restituita al responsabile del negozio della catena lombarda. Il direttore del punto vendita, giunti nella caserma Vittorio Labate di viale Boccaccio per sporgere querela, ha portato agli inquirenti i video registrati dalle telecamere del supermercato, nastri che in passato sono risultati decisivi anche per altri episodi di furto avvenuti in viale Petrarca. 

Primo piano
La sfida dell’energia

Geotermia in Toscana, la partita delle concessioni e degli extra profitti: oggi valgono 600 milioni all’anno

di Mario Neri
Cinema in Toscana