Il Tirreno

Versilia

Elezioni comunali 2024
L’analisi

Europee, solo Viareggio contiene l’avanzata della destra. Vannacci si mangia la Lega

di Luciano Menconi
Europee, solo Viareggio contiene l’avanzata della destra. Vannacci si mangia la Lega

Da Camaiore a Forte dei Marmi FdI è davanti a tutti

11 giugno 2024
4 MINUTI DI LETTURA





VIAREGGIO. Anche la Versilia resta a destra. Confermato il quadro elettorale uscito dalle politiche di due anni fa: Fratelli d’Italia primo partito, centrodestra maggioritario, come a livello provinciale. Ma il dato è più articolato e meritevole di attenzione rispetto a quanto può apparire a prima vista.

Viareggio controcorrente

A differenza di quello che succede negli altri comuni versiliesi, Viareggio registra una significativa inversione di tendenza. Merito innanzitutto del Pd che guadagna quasi cinque punti sul risultato delle ultime politiche e si piazza a soli due decimali da Fratelli d’Italia. Oltre a questo testa a testa c’è poi un altro dato che spicca: quello dell’Alleanza Verdi Sinistra che arriva all’8,9 per cento, surclassando vistosamente sia la Lega (al 7%) sia Forza Italia (6,1%) . Se poi si considera che qui la lista Pace Terra e Dignità di Michele Santoro ha sfiorato il 4 per cento si capisce come Viareggio si confermi un argine all’avanzata del centrodestra.

Da Camaiore al Forte

Nel resto della Versilia invece sostanzialmente la situazione – anche se qua e là con rapporti di forza modificati all’interno delle coalizioni – rimane la stessa delle elezioni politiche. Con FdI primo partito dappertutto, seguito dal Pd (che comunque recupera punti in tutti i comuni) e poi dagli altri. Il Movimento Cinque Stelle delude, riuscendo a proporsi come terza forza politica solo a Seravezza e Stazzema.

Effetto Vannacci

La Lega viene letteralmente trascinata dal generale che ama evocare la Decima Mas. In tutti i comuni versiliesi Vannacci ha ottenuto un numero di preferenze leggermente superiore alla metà dei voti ricevuti dalla lista Salvini premier: 2.564 su 4.776. Quindi un voto su due preso dalla Lega è targato Vannacci. Un risultato impressionante, anche se non ha consentito alla lista di Salvini di raggiungere un risultato a doppia cifra. A Massarosa la percentuale più alta, 9,7%, a Viareggio, città dove il militare risiede, appena il sette per cento.

Gli altri versiliesi in lizza

L’ex senatore del Movimento cinque stelle Gianluca Ferrara ha ottenuto a Viareggio, città dove abita, 220 preferenze, meno di un decimo dei voti ricevuti dalla lista (2.355) . Più brillante il risultato dell’avvocata Silvia Bertolucci, che ha raccolto a Viareggio, la sua città, 443 delle circa duemila preferenze, che però non sono bastate a causa della debacle registrata dalla lista Stati Uniti d’Europa a livello nazionale.

I commenti dei partiti

Il primo a esprimere un giudizio su questa tornata elettorale è il Pd Versilia. «Il Partito democratico qui gode di ottima salute – le parole del segretario territoriale Riccardo Brocchini – anche facendo una media ponderata sui voti validi di tutta la Versilia, la percentuale del Pd Versilia è del 24,8%, dunque superiore a quella nazionale. Da sottolineare il picco di Viareggio con il 27,05% che fa ben sperare anche per le prossime amministrative, così come il risultato del Pd della Toscana che supera il 31%, è di buon auspicio per le prossime Regionali».

«Il fatto nuovo di queste elezioni – è il commento di Fabrizio Manfredi – è la netta affermazione del Pd di Elly Schlein che riduce la forbice con FdI e che rispetto alle politiche avanza in percentuale come nessuno altro. Questo dato, assieme all’ottimo risultato di Avs, colloca la sinistra riformatrice e di governo ben oltre il 30% dei consensi e quindi perno fondamentale per il rilancio di un’opposizione forte e determinata al Governo e alle sue politiche pericolosissime, e per la costruzione dell’alternativa progressista che non potrà che vedere protagonista anche il M5S che, pur non uscendo bene da questa tornata elettorale per lui ostica, è un alleato imprescindibile per la vittoria».

Molto soddisfatta si dice la segretaria della Lega di Viareggio Maria Domenica Pacchini, «perché a Viareggio la Lega raccoglie il 7% posizionandosi ampiamente come secondo partito della coalizione di centrodestra in città ma ancora di più per il numero di preferenze che siamo stati in grado di esprimere come sezione – ben 1.432 – terzi assoluti e primi in termini proporzionali se si guarda al numero dei voti raccolti dai partiti. Un segnale di grande forza della sezione alla quale faccio tantissimi complimenti perché sono stati davvero eccezionali in questi mesi di campagna elettorale, portando ben 409 preferenze a Susanna Ceccardi, seconda solo ad uno straordinario Roberto Vannacci, primo in tutta Italia e largamente sostenuto, sia nel partito che fuori, anche a Viareggio».




 

Primo piano
L’incidente

Gavorrano, scontro fra tre macchine: tre persone ferite e portate in ospedale