Il Tirreno

Versilia

La curiosità

La casa di Babbo Natale... esiste: illumina la via di Capezzano Monte e “contagia” mezza Versilia

di Michele Morabito
La casa di Babbo Natale... esiste: illumina la via di Capezzano Monte e “contagia” mezza Versilia

Uno spettacolo che i signori Ivan Rada e Giuliana Pelliccia regalano ormai da otto anni ai bambini

30 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





PIETRASANTA. Puntuale con le feste di fine anno sulla via di Capezzano Monte è tornata la casa di Babbo Natale. Una tradizione che si rinnova a partire dall’8 dicembre e che accompagna tutto il periodo natalizio, con la magia che prende forma con cuori, stelle, renne, slitte e l’immancabile cassetta delle lettere da indirizzare a Babbo Natale. Uno spettacolo che i signori Ivan Rada e Giuliana Pelliccia regalano ormai da otto anni ai bambini.

Otto anni fa fu una sorpresa: di colpo così in mezzo agli oliveti l’arrivo di una bambina aveva dato vita ad una gioia talmente grande per i nonni che era necessario renderne partecipi un po’ tutti: qualche slitta, le luci alla casa, qualche stella e un effetto sorpresa che stupì. Poi negli anni la casa di Babbo Natale è cresciuta raggiungendo i numeri record di oggi anche perché c’è stata una nuova vita da festeggiare e a Noemi si è aggiunto due anni fa Andrea.

Quest’anno per l’accensione è stata programmata una diretta facebook, lo scorso anno c’è stato un video con il drone realizzato da Jonathan Paolicchi: insomma sempre qualcosa di più e di sempre più impegnativo.

La pioggia di ottobre e inizio novembre aveva quasi messo in pericolo l’accensione e Ivan Rada ha dovuto lavorare giorno e notte e rinunciare a qualche piccola idea, ma alla fine la magia della Casa di Babbo Natale si è compiuta ancora una volta e ancora con numeri eccezionali: 140 luci, un presepe da record, stelle sempre più grandi, oltre 100 comete sul tetto che si apprezzano solo dal tornante sopra la casa lungo la piccola strada che porta a Capezzano.

Per i proprietari un impegno che dura tutta la giornata: rifornire di regalini la cassetta delle lettere, poi riempire il sacco della posta da spedire a Santa Claus, quindi ricevere qualche amico e godersi lo spettacolo negli occhi dei bambini.

Quest’anno anche alcune influencer hanno segnalato la casa di Babbo Natale e gli amici della via Francigena hanno fatto tappa alla casa nella loro passeggiata prenatalizia per smaltire le cene e prepararsi alle abbuffate. Insomma, la casa di Babbo Natale fa parte ormai della nostra tradizione ed è un evento che non può più mancare ed è diventata di ispirazione ad altri: bellissimo l’allestimento dei Cicli Aliverti sull’Aurelia, ma anche di una casa a Pozzi di Seravezza che ha dovuto chiedere in prestito un campo per gestire le visite, anche quella in mezzo agli olivi.

«Non c’è competizione, anzi ci scambiamo consigli – commentano Ivan Rada e Giuliana Pelliccia – e ci scambiamo anche una visita perché non c’è esclusiva sulla felicità e se altri bambini sono felici per le tante luci, significa che c’è voglia di stare assieme, di condividere con gli altri uno stato d’animo di serenità, ce n’è bisogno».

E con tutto quello che succede nel mondo, un po’ di sorrisi non guastano e quelle luci che illuminano le strade della Versiliana sono un messaggio di speranza.


 

Venerdì nero
La scheda

Crash informatico, cosa c’è dietro al caos che ha mandato in tilt aeroporti, banche e media di tutto il mondo: il problema, i tempi e l’esperto