Il Tirreno

Versilia

Il colpo

Rolex Daytona da 40mila euro rubato al Forte: arrestati in tre

Rolex Daytona da 40mila euro rubato al Forte: arrestati in tre

Presi a Napoli tre pregiudicati: secondo i carabinieri sono i responsabili del colpo ai danni di un imprenditore a cui fu strappato l’orologio

22 febbraio 2023
3 MINUTI DI LETTURA





FORTE DEI MARMI. Ieri mattina sono scattate le manette per la banda responsabile di una rapina commessa un anno fa a Forte dei Marmi ai danni di un imprenditore della provincia di Prato. Si tratta di tre uomini residenti a Napoli, uno a Frattamaggiore e gli altri due nella zona di Forcella. Secondo le indagini dei carabinieri, sarebbero stati loro a rapinare l’orologio Rolex modello Daytona del valore di circa 40mila euro all’imprenditore che stava passeggiando sul lungomare insieme alla moglie poco prima di recarsi a pranzo in un ristorante.

Gli arresti sono stati eseguiti ieri mattina nel capoluogo partenopeo dai carabinieri del Nucleo Operativo Radiomobile di Viareggio, supportati da militari del Comando Provinciale di Napoli. L’indagine è stata condotta dai militari dall’Arma di Viareggio, coordinati dalla Procura di Lucca.

Decisivo l’immediato intervento sul posto da parte di una pattuglia della Stazione dei carabinieri di Forte dei Marmi che ha permesso di accertare che uno dei malviventi, dopo avere strappato l’orologio dal polso dell’uomo procurandogli anche alcune abrasioni, era stato inseguito a piedi per un breve tratto dalla vittima che successivamente, dopo essere stato colpito con una manata al volto, aveva perso l’equilibrio cadendo a terra: il malvivente quindi era riuscito a fuggire salendo a bordo di uno scooter condotto da un complice.

L’attività investigativa dei carabinieri di Viareggio, svolta mediante l’acquisizione di numerose immagini di videosorveglianza e ascoltando vari testimoni, ha permesso di chiarire che la banda era composta – oltre che dai due autori materiali della rapina – anche da più di un complice. In particolare, uno degli arrestati avrebbe supportato gli altri due utilizzando un’autovettura “d’appoggio” che affiancava nei vari passaggi lo scooter e con la quale i malviventi avevano raggiunto Forte dei Marmi ed erano poi tornati a Napoli. Altri indagati – che non sono stati arrestati – avrebbero fornito “ausilio logistico” ai tre occupandosi rispettivamente del noleggio dell’autovettura e del trasporto in Versilia dello scooter utilizzato per mettere a segno la rapina.

Le indagini hanno consentito anche di appurare che alcuni componenti del gruppo, pregiudicati per scippi e rapine di orologi di pregio, nello stesso mese di marzo dell’anno scorso avevano tentato lo scippo di un orologio a Cannes (Francia) ai danni di un facoltoso turista russo. E sono ancora in corso accertamenti per capire se la banda è la stessa che ha commesso colpi simili in Versilia mirando ad orologi di valore e agendo con una tecnica molto simile: prendere alle spalle la vittima, l’utilizzo di uno scooter, un’auto di appoggio.

Sulla base degli elementi di prova forniti dai Carabinieri, l’Autorità Giudiziaria ha pertanto ritenuto opportuno emettere l’ordinanza di misura cautelare nei confronti dei tre soggetti anche in considerazione della sussistenza del concreto ed attuale pericolo di reiterazione di reati della stessa specie. Soino stati tutti rinchiusi nel carcere di Poggioreale.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

Venerdì nero
La scheda

Crash informatico, cosa c’è dietro al caos che ha mandato in tilt aeroporti, banche e media di tutto il mondo: il problema, i tempi e l’esperto