Il Tirreno

Sicilia: FAI, FLAI e UILA 'Ai forestali non servono misure spot ma riforma seria'

30 dicembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Palermo, 30 dic. (Adnkronos) - “I forestali siciliani sono sempre in attesa di una riforma seria, sono sempre in attesa di certezze, ma la Regione risponde con misure-spot di corto respiro e modifiche disorganiche. Assunte, peraltro, senza un serio confronto con chi rappresenta lavoratrici e lavoratori”. Lo affermano i segretari generali di Fai Cisl-Flai Cgil-Uila Uil Sicilia, Adolfo Scotti, Tonino Russo e Nino Marino, commentando il voto con cui l’Assemblea regionale ha approvato un aumento di giornate per i forestali “che – precisano gli esponenti sindacali – avrà valore per un solo anno a dispetto di chi, come i lavoratori e come noi organizzazioni di categoria, rivendica da tempo stabilità prospettive sicure per sé e per le proprie famiglie”. Scotti, Russo e Marino chiedono, quindi, una “convocazione immediata per concordare un percorso concreto verso la tanto annunciata e attesa riforma che, ribadiamo, va condivisa con queste organizzazioni sindacali di categoria, firmatarie dei contratti nazionali e regionali di settore”. “In assenza di riscontro – aggiungono – attiveremo adeguate iniziative di protesta”. I segretari generali di Fai-Flai-Uila dicono ancora: “In maniera responsabile abbiamo partecipato a tutti gli incontri con l’assessore all’Agricoltura, non ultimo quello del 19 dicembre.  Da mesi attendiamo un testo di riforma del comparto che dia risposte reali non soltanto a tutti i lavoratori ma anche al territorio, consentendo interventi efficaci e tempestivi contro incendi e dissesto idrogeologico. Ad oggi, però, quel testo non ci è stato consegnato. Prendiamo atto che le risorse finanziarie individuate dalla legge in discussione all’ARS danno le basi per arrivare ad una riforma concreta ma allo stesso tempo non comprendiamo la logica di provvedimenti, come quelli approvati dall’ARS che di fatto, pur assicurando risposte parziali alle aspettative occupazionali di pochi, non rispondono alle reali esigenze di tutto il settore”. “Da anni – concludono – ribadiamo che un processo di stabilizzazione deve riguardare tutti i lavoratori e che il sistema deve rimanere a gestione pubblica nell’ambito del comparto agricolo. Vanno ripristinati i vuoti di organico nel comparto antincendio e fissata una forza lavoro nel territorio regionale, prevedendo un sistema di sostituzione con nuove assunzioni al fine di non rischiare di avere un comparto che per effetto dell’età avanzata rischia di non aver più un numero di addetti adeguato. Chiamiamo, pertanto, alle proprie responsabilità il Governo del Regione e tutto il Parlamento, perché si arrivi a un testo di riforma organica che valorizzi tutti i lavoratori e mitighi i rischi incendi e del dissesto, che venga approvato in tempi rapidi dal parlamento, perché il nuovo anno che sta per arrivare non sia la ripetizione di quelli già trascorsi”.
Primo piano
Emergenza idrica

In Toscana manca l'acqua: dall'Elba alla Lunigiana, ecco tutti i progetti per non restare a secco

di Francesco Paletti
Le nostre iniziative