Il Tirreno

Autonomia: Calderoli, 'la vuole maggioranza dei cittadini, aiuto deve essere per sviluppo'

27 novembre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Roma, 27 nov. (Adnkronos) - "Bisognerebbe smetterla con gli slogan e le fake news. L'autonomia è voluta dalla maggioranza assoluta dei cittadini. "è un dato falso e anti storico" assumere il contrario. "Io credo nell'autonomia e nella possibilità di autonomie nel sud perché negli anni 50 il Mezzogiorno aveva come reddito medio procapite dei cittadini del Sud esattamente il 50% di quello del Nord. Con la Cassa del Mezzogiorno e grazie ad interventi largamente assistenzialisti si è arrivati a superare il 60% dopo di che si è ritornati al 56,2% e cosi è da 35 anni. Vogliamo farlo crescere questo sud o vogliamo lasciarlo al 56,2%". Così il ministro per gli affari regionali e le autonomie Roberto Calderoli intervenendo a #Italia Direzione Nord, la rassegna istituzionale organizzata da Fondazione Stelline insieme a Inrete - Relazioni Istituzionali e Comunicazione con il patrocinio del Consiglio di Regione Lombardia, del Comune di Milano e con il contributo di Fondazione Cariplo. "Lo dico perché i primi ad esser contenti della crescita del Mezzogiorno sarebbero Fontana, Zaia e Cirio. E diciamolo chiaro e tondo per la cronaca che su 20 regioni d'Italia per quanto riguarda il residuo fiscale, ovvero la differenza fra quelle che sono le uscite sul territorio per la macchina pubblica e le entrate fiscali e non, ci sono dodici regioni d'Italia che hanno un residuo fiscale negativo, quindi producono di più di quello che spendono e altre 8 che invece vivono in funzione di quel residuo fiscale negativo delle altre regioni. Quindi l'aiuto, la perequazione c'è , è giusto farla, ma deve essere anche un investimento rispetto allo sviluppo. L'assistenzialismo fine a se stesso dà quei risultati per cui la gente di una parte del paese va a farsi curare in un'altra e quella parte riceve probabilmente le stesse risorse usandole male o non usandole affatto", conclude.
Primo piano
Emergenza idrica

In Toscana manca l'acqua: dall'Elba alla Lunigiana, ecco tutti i progetti per non restare a secco

di Francesco Paletti
Le nostre iniziative