Il Tirreno

Ucraina: Kuleba, 'con stabilità e saremo un alleato importante per tutti Paesi europei'

31 ottobre 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Milano, 31 ott. (Adnkronos) - "Sono grato al sostegno dell'Italia nei settori militare, politico, economico e culturale. Da oltre 20 mesi l'Ucraina sta lottando per la sopravvivenza propria, dell'Europa e del mondo. L'aggressione da parte della Russia ha provocato danni alle infrastrutture, all'economia e al nostro popolo.Stiamo lottando, ma il cammino è molto difficile. Ecco perché il sostegno dei nostri amici, tra i quali anche l'Italia, è importantissimo e ci permette di guardare al futuro e pensare alla ricostruzione già oggi". Lo ha detto il ministro degli Esteri ucraino Dmytro Kuleba, intervenendo al primo incontro pubblico del Laboratorio sulla ricostruzione dell’Ucraina organizzato da Triennale Milano e Maxxi, in corso a Milano. "Ricostruire l'Ucraina -ha sottolineato il ministro- non è importante soltanto per ricostruire ciò che è stato distrutto, ma anche per creare una economia completamente nuova e costruire una Ucraina nuova. L'idea della ricostruzione, della rinascita, è l'inizio di un nuovo cammino". E per questo "vogliamo ringraziare l'Italia, che ha dato al mondo il Rinascimento e i valori dell'Umanesimo. Oggi come allora, la luce dell'Umanesimo e dell'Illuminismo ci guiderà e una nuova Ucraina e una nuova Europa rinasceranno dalle macerie". La ricostruzione dell'Ucraina, ha osservato tuttavia, "deve essere innovare, non semplicemente tornare allo stato precedente, ma creare un sistema e un Paese più moderno". "L'Italia -ha aggiunto- ci aiuta veramente tanto nella ricostruzione postbellica. Sono grato ai partner italiani per il cosiddetto Fast Recovery Plan e la loro prontezza dell'Italia ad approfondire la cooperazione durante la sua presidenza nel G7. L'Italia ha assunto anche il patronato per ricostruire vari edifici a Odessa che sono stati distrutti. Sono certo che questo ci aiuterà a ricostruire i beni culturali anche in altri regioni, perché l'Italia un leader mondiale per quanto riguarda la salvaguardia del patrimonio culturale. La ripresa e la ricostruzione dell'Ucraina sono importanti per tutta l'Europa perché un'Ucraina stabile e fiorente sarà un alleato importante, anche a livello commerciale, per i Paesi europei e tutto questo favorirà la crescita della nostra Europa". E allora, ha concluso, "lavoriamo insieme per assicurare un futuro migliore".
Primo piano
Ambiente

«No alla nuova funivia»: rivolta contro l’ecomostro sull’Appennino tosco-emiliano. I motivi della protesta

di Cristiano Marcacci
Sport