Il Tirreno

**Mostra Venezia: Besson, 'in Dogman mi interrogo su come rinascere dopo un trauma'**

31 agosto 2023
4 MINUTI DI LETTURA





Roma, 31 ago. (Adnkronos) - “Ovunque ci sia un infelice, Dio invia un cane”. Luc Besson commuove e sorprende con il suo 'Dogman', presentato oggi alla 80ma Mostra del Cinema di Venezia, lungometraggio girato in lingua inglese tra la Francia e gli Stati Uniti che racconta la storia di Douglas, un ragazzo con un profondo amore per i cani dovuto ad un passato di violenza e abusi. Il protagonista, interpretato da Caleb Landry Jones, durante l'infanzia viene infatti gettato nella gabbia dei mastini da un padre violento e senza scrupoli. Il trauma vissuto, di cui Douglas porterà addosso le conseguenze per tutta la vita, lo porta a sviluppare un attaccamento viscerale verso un'orda di cani nella quale trova amore e salvezza. "Ho cercato di riflettere su che cosa puoi diventare se ti accade questo nel tuo passato -spiega Besson- Diventi un terrorista o Madre Teresa? Cosa può accaderti? Ho cercato di immaginare che cosa ne potesse essere della sua vita". Nel film, "vediamo un essere umano ma non vediamo le sue radici, il suo passato. Cosa succede se si tagliano le radici?", si interroga Besson. Che fa un riferimento alla fede: "Tutte le religioni parlano di fede. Come mantenere la fede quando ci troviamo in una situazione del genere? Non è un giudizio. Se ci fosse un Dio che volesse aiutare questo bambino, come lo farebbe? Questo mi sono domandato". L’unica risposta "la trova il protagonista alla fine, ed è l’unica ragione, l’essenza quasi religiosa. Le risposte non le abbiamo, dobbiamo trovarle dentro di noi. Dobbiamo rispettare le persone che credono, ma abbiamo sempre tante domande". Incalzato dalle domande dei giornalisti, il regista francese spiega la dinamica del lavoro complesso e delicato con i cani sul set: "Come ho selezionato i cani? E' stato un processo piuttosto lungo, durato tre mesi -rivela- Avevamo dei cani che arrivavano con i loro addestratori, avevano un camper tutto per loro ed erano delle star. Alcuni non andavano d’accordo e li ho dovuto cambiare, dopo due mesi abbiamo ottenuto un bel gruppo coeso". Besson racconta dei curiosi retroscena: "Non mi aspettavo che ci fossero 25 addestratori, ciascuno lavora solo con due cani, e ciascun cane reagisce solo alla voce del suo padrone: quindi contemporaneamente c’erano 25 voci che parlavano contemporaneamente", racconta. "Inoltre, gli addestratori dovevano stare vicino ai cani e nascondersi dalle telecamere, quindi chi dietro una sedia, chi dietro ad un tavolo...Ma in una settimana ci si abitua". Molto intensa l'interpretazione dell'attore Caleb Landry Jones, di cui Besson racconta la scelta. "Se c’è una cosa di cui sono molto orgoglioso è la mia libertà, ma il mio timore è sempre chi sarà l’attore nei miei film, e temevo che non sarei mai stato in grado di trovare un attore così folle da fare questa parte. Poi ho visto Caleb e ho pensato fosse camaleontico. Abbiamo preso il the un paio di volte e poi gli ho chiesto: a te piacciono gli animali?". "Sono stato molto fortunato perché Luc mi ha dato molti input sin dall’inizio -dice Jones raccontando l'esperienza sul set. "Il mio ruolo è fare da spugna e assorbire tutto ciò che vedo". Nel ruolo della psichiatra del piccolo Douglas Jojo T. Gibbs, che racconta le difficoltà iniziali di ambientamento sul set con il piccolo attore che interpreta Douglas da piccolo: "Al bambino non andavo a genio, e Luc continuava a dire 'non ti ho mai vista così nervosa'. È stato molto difficile". Durante l'incontro con i cronisti, Besson ha parlato anche dei suoi riferimenti cinematografici, sottolineando la sua visione del 'trarre ispirazione': "Non sono un esperto del cinema. Io da piccolo non avevo la tv a casa, per vedere il mio primo film ho dovuto noleggiare i video. Credo di essere ispirato più dalle persone, dagli alberi, dalle circostanze atmosferiche, dalle persone che ci circondano. Questo ci alimenta di più dei film, che sono già stati 'digeriti' dai registi. Invece a me piace essere invitato al tavolo e mangiare in contemporanea insieme agli altri. In definitiva, sono affascinato dai film del passato ma non traggo ispirazione da altri". Prodotto da LBP, Europacorp S.A., T1 Films Production e distribuito da Europacorp LLC / Kinology, Lucky Red, il film è interpretato, oltre che da Caleb Landry Jones, da Jojo T. Gibbs, Christopher Denham, Clemens Schick e Grace Palma. Il film uscirà nelle sale italiane il 5 ottobre, distribuito da Lucky Red.
Primo piano
Ambiente

«No alla nuova funivia»: rivolta contro l’ecomostro sull’Appennino tosco-emiliano. I motivi della protesta

di Cristiano Marcacci
Sport