Il Tirreno

Toscana

La protesta

Sollicciano, l’esposto in procura dei detenuti sulle condizioni del carcere pochi giorni prima della rivolta


	Il carcere dall'alto
Il carcere dall'alto

Nella lettera vengono segnalati problemi di cibo, acqua e insetti, ma anche per l’assistenza sanitaria

04 luglio 2024
1 MINUTI DI LETTURA





FIRENZE. Proprio un paio di giorni fa, a 48 ore circa dalla rivolta divampata nel carcere fiorentino di Sollicciano, da una cinquantina di detenuti era stato firmato un esposto indirizzato alla procura per rimarcare le condizioni della struttura.

La lettera

Nello scritto, che sarebbe stato fatto dalla cinquantina di detenuti, vengono messe nero su bianco alcune criticità. Tra gli altri, vengono segnalati problemi di cimici e insetti nelle celle, problemi di degrado diffuso e di mancanza d’acqua in alcune sezioni in particolare. C’è di più, secondo lo scritto, vengono evidenziati anche problemi alle docce nei carteggi.

Le condizioni della struttura

In quella lettera che poi sarebbe diventata un esposto indirizzato alla procura vengono però evidenziate altre criticità, secondo i firmatari appunto, legate alle condizioni del cibo e pure all’assistenza sanitaria verso i detenuti.

Primo piano
Vacanze e risparmi

Benzina, parcheggio, ombrellone e pranzo: ecco quanto costa una giornata al mare in Toscana

di Barbara Antoni
Sport