Il Tirreno

Toscana

Benvenuto inverno

Neve, in Val di Luce si scia dal 7 dicembre: i prezzi, gli impianti aperti e le date

di Carlo Bardini

	La neve caduta all'Abetone
La neve caduta all'Abetone

All’Abetone lavori straordinari per partire subito con la stagione sciistica: gli addetti ai lavori si aspettano una grande affluenza di turisti

05 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





ABETONE. Il meteo e tanto impegno da parte degli impiantisti hanno portato al successo e gli impianti di risalita di Abetone, Val di Luce e Doganaccia saranno aperti per il lungo fine settimana dell'Immacolata. Hanno sperato fino all'ultimo di potercela fare e solo nella giornata di martedì 5 dicembre sono arrivate le conferme e l'ufficialità.

Per l'8 dicembre si scia sulla montagna pistoiese e addirittura in Val di Luce si anticipa di un giorno, con le prime discese da giovedì 7 dicembre. Dopo l'inverno dello scorso anno, avarissimo di neve, quest'anno sembra che si preannunci una stagione invernale di tutto rispetto. Anche perché, come ha sottolineato Andrea Formento, direttore della Val di Luce Spa «negli ultimi 10 anni non è mai stato così scontato cominciare a sciare per l'Immacolata».

Previsioni ottimistiche anche sotto l'aspetto delle presenze turistiche nelle strutture ricettive. «Abbiano lavorato intensamente anche con gli impianti di innevamento – spiega Ronny Ceccarelli della società Doganaccia 2000 – per riuscire ad aprire in questo fine settimana, e ci siamo riusciti. Di sicuro non saranno aperti tutti gli impianti ma di sicuro la pista 1,3 e 4 certamente con il campo scuola. Ma se saremo in grado cercheremo di aprire ancora più piste».

Da giovedì 7 dicembre sarà aperta anche la funivia da Cutigliano mentre da venerdì 8 dicembre anche la seggiovia. La famiglia Ceccarelli ha deciso di non aumentare i costi dei biglietti dall'anno scorso e, ad esempio, un giornaliero costa 25 euro dalla Doganaccia e 29 se si prende la funivia a Cutigliano.

Ad Abetone e Val di Luce l'ultima precipitazione ha portato circa 25 centimetri di neve fresca, trasformando il paesaggio anche in paese. «Siamo soddisfatti di poter cominciare la stagione invernale e le prime discese – spiega Giampiero Danti della Saf – e anche se non riusciamo ad aprire tutti gli impianti garantiamo una sciabilità ottima aprendo l'Ovovia, lo skilift e, se ci riusciamo, anche la parte più alta dell'Ovovia, nei pressi del Monte Gomito. Impianti che si potranno utilizzare anche solo per il trasporto turistico».

In Val di Luce le prime discese saranno già da giovedì 7 dicembre. «La Sprella e la Jolly – afferma Formento – saranno aperte già da giovedì 7 dicembre mentre per il fine settimana sarà aperto anche il Passo d'Annibale fino alla stazione intermedia. Ma stiamo lavorando anche per poter garantire il collegamento».

Si scierà in maniera sicura già a partire da questo primo fine settimana (9-10 dicembre). Sulle piste di Abetone e della Val di Luce saranno già in servizio il soccorso della Polizia di Stato e i volontari di Avssat.

Con le piste aperte e con il fine settimana lungo, gli addetti ai lavori si aspettano dei buoni risultati dal punto di vista delle presenze turistiche. «Devo dire che c'è molta fibrillazione – spiega Rolando Galli, presidente dell'Apm – e la speranza è che arrivino sulla montagna pistoiese moltissime presenze turistiche a livello di pernottamenti negli alberghi. Un fine settimana che è lontano dalla festa del Natale con le spese per i regali e quindi si suppone che gli sciatori abbiano voglia di passare qualche giorno di festa». Un esempio su tutti, anche se lavora molto con i gruppi, è l'albergo Sichi di Pian degli Ontani che è pieno ormai da diversi giorni.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Il caso

Pisa, neonato sparito dal Santa Chiara: il piccolo non si trova e il padre non collabora, spuntano nuovi elementi, ecco quello che sappiamo

di Andreas Quirici
Le nostre iniziative