Il Tirreno

Toscana

Scuola2030
Progetto Scuola2030

Natale a Napoli, la gioia ritrovata di stare insieme dopo il Covid

Antonio Avadanei*
Natale a Napoli, la gioia ritrovata di stare insieme dopo il Covid

Quello del 2022 è il primo Natale dopo la pandemia: il capoluogo campano torna alle sue calorose tradizioni

18 febbraio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Il 2022 ha rappresentato un anno di ritorno alla normalità, quella alla quale eravamo abituati tre anni fa prima della pandemia da Covid-19.

Infatti il Natale del 2019 è stato l’ultimo libero e senza restrizioni prima delle feste appena passate.

Nel 2022, finalmente, sono tornate alla luce le tradizioni soprattutto in luoghi come quelli del sud Italia, dove lunghi e abbondanti pasti con decine e decine di parenti sono sempre stati la normalità e si erano interrotti per evitare i contagi.

La ritrovata socialità, a Natale 2022, ha risollevato il morale delle persone che finalmente hanno potuto rivivere con serenità le feste natalizie, e ciò si è percepito anche sulle strade di città come Napoli, dove le persone hanno passato mattinate, pomeriggi e serate per comprare il necessario in vista degli eventi ai quali si stavano preparando.

Un altro importante tocco, che ha aiutato a rivivere quello che è il vero spirito del Natale, è stato dato proprio dalle strade di questa città, addobbate in tema natalizio, con musica, lucine, i tipici presepi e i classici mercatini grazie ai quali i passanti potevano assaggiare i tipici dolci partenopei. Tutto ciò ha contribuito a illuminare la città dandole un volto sereno, caloroso e affettuoso.

Oltre a tutto ciò si è tenuto, anche se effettivamente prima dei giorni festivi, il concerto natalizio al Teatro San Carlo diretto da Henrik Nánási e dalla durata d un’ora e quaranta minuti.

Tutto il susseguirsi degli eventi elencati ha fatto sì che la magia del natale tornasse ad essere quella di una volta, senza più le paure e le restrizioni che ci impedivano di goderci questi momenti di festa ai quali eravamo affezionati e ai quali non vedevamo l’ora di tornare.

*Studente del progetto Scuola2030 dell’istituto Calamandrei di Sesto Fiorentino

Venerdì nero
La scheda

Crash informatico, cosa c’è dietro al caos che ha mandato in tilt aeroporti, banche e media di tutto il mondo: il problema, i tempi e l’esperto