Il Tirreno

Decathlon Italia raggiunge il traguardo della certificazione di genere

27 giugno 2024
3 MINUTI DI LETTURA





MILANO (ITALPRESS) – Decathlon Italia è ufficialmente certificata per la parità di genere con prassi UNI/PdR 125. Il traguardo è stato festeggiato a Corsico (Mi) in concomitanza con l’inaugurazione del primo negozio completamente rimodernato all’insegna della sostenibilità e di un’esperienza d’acquisto più fluida per i clienti. La certificazione UNI/PdR 125 è stata voluta dal Dipartimento delle Pari Opportunità della Presidenza del Consiglio dei Ministri nel 2022 e attesta l’adozione di politiche per la parità di genere, per l’empowerment femminile e per migliorare le possibilità delle donne di conciliare casa e lavoro e di raggiungere ruoli apicali.
“Questa certificazione – ha detto Patrizia Brognoli, Diversity and Inclusion Leader di Decathlon Italia – è il coronamento di un percorso intrapreso con determinazione e passione, mossi dalla profonda convinzione che la parità di genere non sia solo una questione di diritti, di giustizia sociale ma un tema di rispetto e di valorizzazione di tutti i talenti”.
A consegnare l’attestato c’era la dirigenza di Bureau Veritas, ente terzo di certificazione, leader mondiale nei servizi di ispezione, verifica di conformità e certificazione, appunto. “Questa certificazione – ha detto al microfono di Italpress Simonetta Dal Vecchio, Finance Director Bureau Veritas CSE Region – è un traguardo fondamentale ed è particolarmente significativo che il certificato sia stato consegnato a Decathlon. Siamo felici che proprio Decathlon abbia raggiunto questo risultato perchè l’ambiente sportivo è un ambiente che simboleggia l’unione per le persone e fra le generazioni. Nello sport è la squadra a vincere e con Decathlon il messaggio della parità di genere raggiunge un’immensa comunità di sportivi”.
Ad oggi Decathlon Italia vanta il 55% di presenza femminile mentre le donne in posizione apicale sono il 39,7%, con una tendenza in aumento.
“Numerose sono le attività che abbiamo avviato in questi tre anni – ha detto ancora a Italpress Patrizia Brognoli – sicuramente la parte più importante è stata la formazione, per cui accompagnare tutti i nostri collaboratori e le nostre collaboratrici in una maggiore consapevolezza rispetto al tema delle pari opportunità. Abbiamo poi creato un Comitato Guida, un gruppo quindi che ci aiuterà a lavorare sulle strategie e sulle priorità da qui al 2026. Abbiamo creato poi un piano formativo dedicato alle giovani donne leader per aiutarle a lavorare, a strutturare una leadership al femminile che sia inclusiva, approfondendo le competenze anche sul tema della strategia dell’innovazione e del digitale”. D’altra parte Decathlon ha potuto sperimentare quanto sia vantaggioso per l’azienda essere inclusivi: “Per noi significa far sentire bene le persone e quando io come persona mi sento bene e ho la possibilità di esprimermi come persona, ho anche la possibilità di far vivere il mio talento nel miglior modo possibile,anche in termini di performance e di business. L’azienda così può beneficiare di un talento che altrimenti sarebbe stato difficile scoprire”.
-foto f03-
(ITALPRESS).

Primo piano
Il dramma sfiorato

Viareggio, bimbo di due anni rischia di annegare in piscina: salvato dall’intervento della bagnina

di Roy Lepore