Il Tirreno

Le vie del gusto

Slow Fish, sapori di mare

di Irene Arquint
L’11ª edizione al Porto Antico. E per la Toscana la Casa dei Pesci di Talamone
L’11ª edizione al Porto Antico. E per la Toscana la Casa dei Pesci di Talamone

A Genova la kermesse sulla pesca

02 giugno 2023
3 MINUTI DI LETTURA





Sguardo puntato sul mare e i suoi ecosistemi. L’undicesima edizione di Slow Fish, da oggi a domenica al Porto Antico di Genova, ogni due anni stimola alla riflessione sulla pesca e tutto ciò che si aggira attorno alla vita sommersa.

«Quella della pesca artigianale è una cultura, un sapere che rischia di scomparire nel giro di poche generazioni – lancia l’allarme Slow Food, l’associazione che ne organizza il programma, arricchito da un mercato pullulante varietà – e siamo convinti che senza i pescatori le nostre coste perderanno anima e bellezza».

Oltre la trentina gli incontri sul mare e le sue tradizioni gastronomiche, in calendario nella manifestazione che affronta i temi della conoscenza, della sostenibilità e dell’integrazione fra i patrimoni del nostro paese. Più di settanta le degustazioni e i laboratori, undici le cene tematiche con chef più o meno noti e trentacinque gli eventi diffusi in città.

Slow Fish sarà quattro giorni all’insegna del cibo e del vivere buono, pulito e giusto (come recita lo slogan dell’associazione fondata a metà anni Ottanta) con lezioni ai fornelli, cucine di strada, birrifici artigianali, aperitivi vista mare e tanti produttori presenti con le loro particolarità.

Fra questi anche numerose realtà toscane, cui si aggiungono gli appuntamenti divulgativi che hanno a che fare con le nostre specialità, quasi tutti concentrati nella giornata di domani.

Ad esempio alle 17 la comunità dei pescatori dell’Isola del Giglio porta la sua esperienza in piazza Falcone e Borsellino. Racconterà dell’habitat ricco di biodiversità che insiste tra le baie e i fondali rocciosi popolati da numerosi pesci e foreste di coralli da cui dipendono tantissimi organismi e un ecosistema fragile, le cui risorse vanno promosse mantenendo i delicati equilibri ecologici. Con loro anche la Cittadella della Pesca di Viareggio e la cooperativa Copav, impegnate a ridurre l’impatto delle attività sull’ecosistema marino e terrestre pur badando anche alla redditività per i pescatori.

Custodi di biodiversità agricola e marina, i delicati ecosistemi dell’isola del Giglio sono i protagonisti del laboratorio delle 18 in cui vengono fatti degustare ingredienti locali in abbinamento a vini del territorio, ponendo l’accento su quanto si rischia di perdere senza creare una filiera alternativa di approvvigionamento, distribuzione e consumo di cibo.

Nello spazio delle 19 le peculiarità abruzzesi verranno accostate all’olio quercetano, una cultivar tipica della Versilia ottenuta da oliveti secolari che rischiano l’estinzione a causa dell’urbanizzazione legata al turismo.

Sempre domani, alle 21 verrà raccontata la particolare e creativa esperienza che sta sperimentando Talamone (Grosseto): la messa a dimora in mare di blocchi di marmo destinati a proteggere l’habitat naturale. Si chiama La Casa dei Pesci e ha un duplice risvolto: tutelare i fondali marini, salvaguardando le praterie di posidonia e favorendo il ripristino ambientale e lo sviluppo della fauna ittica nella zona di Talamone e del Parco dell’Uccellina, ma anche una valenza artistica dato che i blocchi immessi in mare in molti casi sono vere e proprie opere d’arte. Infatti parte dei marmi donati dalle Cave Michelangelo di Carrara, sono stati scolpiti da artisti provenienti da tutto il mondo. Si tratta di un museo sommerso unico, composto da 39 sculture già calate in acqua, di cui 19 davanti a Talamone, alle quali presto se ne uniranno altre cinque in via di ultimazione in una sorta di simposio a cielo aperto.

Sabato invece il direttore di Toscana Promozione Turistica presenterà una pubblicazione di ricette da cui sono state estrapolate in anteprima le tre che pubblichiamo oggi. “Happy Boat in Toscana” raccoglie piatti tipici interpretati da chef della costa iscritti al programma di Vetrina Toscana a tema sostenibilità e salvaguardia del mare.


 

Primo piano
Le sabbie mobili dei cantieri

Quante opere pubbliche stritolate fra burocrazia e soldi che mancano: i casi in Toscana, i tempi e i progetti

di Barbara Antoni