Il Tirreno

Sport

Calcio e violenza

Saccheggiarono l’autogrill di ritorno da Empoli, Daspo per 23 tifosi romanisti

Saccheggiarono l’autogrill di ritorno da Empoli, Daspo per 23 tifosi romanisti

È successo lo scorso 12 settembre sull’A1 a Montepulciano: rubati cibo, giocattoli e vestiti. Sono stati denunciati per furto aggravato e non potranno assistere alle partite di calcio per un periodo che va da uno a tre anni

20 maggio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





Daspo per 23 tifosi romanisti che hanno razziato lo scorso 12 settembre l'Autogrill di Montepulciano, nel senese, sull'A1, di ritorno dalla trasferta ad Empoli. Al termine delle indagini condotte dalla Polizia di Stato senese, i tifosi sono stati individuati come responsabili dei gravi problemi di ordine pubblico creati all'interno dell'esercizio commerciale. Proprio grazie al caos nato nell'autogrill, i tifosi avrebbero compiuto una serie di furti, per i quali sono stati denunciati per furto aggravato. In particolare, dall'attività investigativa svolta dalla Digos della Questura di Siena anche attraverso la visione delle immagini del sistema di videosorveglianza dell'esercizio, è emerso che tra la tarda serata del 12 e la notte del 13 settembre del 2022, un nutrito gruppo di ultras dell'AS Roma che stava rientrando nella Capitale dopo la partita giocata allo stadio Castellani di Empoli, si è fermato all'Autogrill di Montepulciano lungo l'Autostrada del Sole dove, approfittando della superiorità numerica e creando caos all'interno ha trafugato generi alimentari, giocattoli, capi di abbigliamento e altra merce dagli scaffali, guadagnandosi la fuga attraverso la porta di emergenza. 

Identificati dai poliziotti della Digos di Siena, attraverso una minuziosa attività d'indagine, svolta anche confrontando le immagini delle riprese effettuate dalla Polizia Scientifica di Empoli e mediante lo studio dei nominativi sui tagliandi d'ingresso allo stadio, sono stati denunciati. A seguito dell'analisi delle posizioni di ciascun tifoso, effettuata successivamente dalla Polizia Anticrimine di Siena, il Questore Milone ha emesso nei loro confronti 23 Divieti di Accesso alle Manifestazioni Sportive.

I tifosi, tutti residenti a Roma e di un'età compresa tra i 18 e i 50 anni, non potranno assistere alle competizioni di calcio relative ad incontri ufficiali o amichevoli dei campionati o tornei nazionali o internazionali disputati sul territorio italiano per un periodo che va da 1 a 3 anni. Per le partite che si disputeranno allo ''Stadio Olimpico'' della Capitale il divieto si estende anche alle vie prospicienti l'impianto sportivo e alle strade dedicate alle tifoserie ospiti e/o ai giocatori. Nei confronti di 4 di loro, recidivi nei provvedimenti di Daspo, il divieto per 5 anni prevede anche l'obbligo di firma, soggetto alla convalida da parte del gip, presso gli uffici della Questura di Roma. ''Prosegue la politica del massimo rigore nei confronti di chi non rispetta le regole alle manifestazioni sportive- afferma il Questore Milone. Lo sport non può essere occasione per attuare comportamenti illeciti o violenti che possono mettere in pericolo l'ordine e la sicurezza pubblica o l'incolumità di terzi''.

Primo piano
Le sabbie mobili dei cantieri

Quante opere pubbliche stritolate fra burocrazia e soldi che mancano: i casi in Toscana, i tempi e i progetti

di Barbara Antoni