Il Tirreno

Prato

Il bilancio

Prato, tessuti confiscati e ceduti all’asta: ricavi per 6 milioni dalla Finanza

Prato, tessuti confiscati e ceduti all’asta: ricavi per 6 milioni dalla Finanza

Il bilancio degli ultimi diciassette mesi delle Fiamme gialle del comando di Prato Scoperti 31 evasori totali e 39 percettori del reddito di cittadinanza indebitamente

29 giugno 2024
3 MINUTI DI LETTURA





PRATO. La Guardia di Finanza festeggia il 250° Anniversario della sua Fondazione e il comando i Prato fa il bilancio della propria attività degli ultimi 17 mesi. E si scoprono numeri importanti nelal lotta contro l’evasione e le attività dirette alla concorrenza sleale.

Nel comparto fiscal-tributario, nel periodo dal gennaio 2023 al maggio 2024, sono stati eseguiti 597 interventi.

Scoperti 31 evasori totali completamente sconosciuti al fisco e 11 paratotali; 417 soggetti sono stati denunciati per reati fiscali e 3 per caporalato. Sono stati 203 i lavoratori in nero portati alla luce e 183 quelli irregolari.

Su circa 600 aziende sottoposte a controllo sono state effettuate proposte di chiusura di 250 partite iva delle quali 119 già chiuse d’ufficio, fittiziamente operative nel settore manifatturiero legato alla filiera del tessile, nonché in ambito immobiliare, commerciale e dei servizi.

Le attività di contrasto al contrabbando hanno consentito di far emergere il fenomeno dell’approvvigionamento illecito delle materie prime utilizzate da imprese del Distretto del tessile-abbigliamento.

Sono stati sottoposti a sequestro circa 6 milioni di metri di tessuto, per un valore di oltre 7 milioni di euro di cui circa 3 milioni sono stati incassati per la vendita all’asta, grazie anche alla collaborazione con l’Agenzia delle Dogane, con deposito dell’incasso al Fondo Unico di Giustizia (Fug). E altri 3 milioni sono stati incassati per la vendiata all’asta di altri tessuti confiscati in operazioni precedenti portando quindi a 6 i milioni depositati nel Fug.

Inoltre sempre nel comparto del contrabbando sono stati sottoposti a sequestro 69 kg di tabacchi lavorati esteri consumati in frode e alla denuncia di 5 persone.

I controlli e le indagini contro il gioco illegale hanno permesso di scoprire 109 punti clandestini di raccolta scommesse e di denunciare 11 responsabili.

Nell’attività di contrasto al fenomeno delle frodi nell’accesso alle misure previste nel Piano nazionale di ripresa e resilienza (Pnrr) sono stati eseguiti 74 controlli e 3 soggetti sono stati denunciati per indebita richiesta dell’erogazione per un importo pari a 215.000 euro.

Sono stati effettuati inoltre 58 controlli ad altrettanti fruitori di reddito di cittadinanza, conclusisi con la denuncia di 39 responsabili di indebita percezione, segnalati per aver illecitamente percepito assegni sociali per un ammontare complessivo pari a circa 220 mila euro.

In collaborazione con la Procura europea, con la quale sono state sviluppate 3 indagini che hanno portato alla denuncia di 256 responsabili e all’esecuzione di sequestri oltre 8 milioni di euro.

In materia di riciclaggio e autoriciclaggio sono state denunciate 9 persone e ricostruzione operazioni illecite per 4,5 milioni di euro.

Sono stati investigati oltre 391 flussi finanziari sospetti generati dagli operatori del sistema di prevenzione antiriciclaggio. Sono state scoperte illecite movimentazioni per 27 milioni di euro e l’accertamento di 5 violazioni.

In applicazione della normativa antimafia, sono stati sottoposti ad accertamenti patrimoniali 43 soggetti, che hanno portato all’applicazione di provvedimenti di sequestro, confisca e amministrazione giudiziaria per un valore di oltre 115.000 di euro.

Sequestrati anche 3.359 grammi di sostanze stupefacenti, di cui cocaina per 30 grammi, hashish per 328 grammi e marijuana per 3 kg, denunciando alle competenti Autorità 45 soggetti. Sul versante della tutela del mercato dei beni e dei servizi, sono stati eseguiti 32 interventi con la denuncia di 22 soggetti. A seguito di tali attività sono stati sottoposti a sequestro 18.578.168 di prodotti contraffatti, con falsa indicazione del made in Italy, non sicuri. Sono stati, anche, sequestrati 850 kg di prodotti agroalimentari (prodotti ittici e prodotti alimentari).


 

Primo piano
Il dramma sfiorato

Viareggio, bimbo di due anni rischia di annegare in piscina: salvato dall’intervento della bagnina

di Roy Lepore