Il Tirreno

Prato

Dopo il disastro

Prato, riapre l'asilo di Seano devastato dall'alluvione

L'asilo devastato dall'alluvione e a destra dopo i lavori di sistemazione
L'asilo devastato dall'alluvione e a destra dopo i lavori di sistemazione

Completati i lavori di risistemazione del plesso chiuso dal 2 novembre e che avevano costretto i bambini a trasferirsi alla scuola di Bacchereto

26 aprile 2024
3 MINUTI DI LETTURA





CARMIGNANO. Rimarginata un’altra delle tante ferite provocate dall’alluvione del 2-3 novembre 2023. Nella settimana iniziata lunedì 22 aprile, infatti, i bambini e e loro famiglie sono potuti finalmente tornare al’asilo bio nido “Il Sole e la Nuvola”, ospitato nei locali del Circolo Arci di Seano. Nido chiuso dal 2 novembre perché, appunto, gravemente danneggiato dall’alluvione che ha colpito il nostro territorio. Per ripristinare in sicurezza la struttura sono stati necessari interventi importanti che hanno richiesto mesi di lavoro durante i quali l’attività educativa è stata temporaneamente ospitata alla scuola dell’infanzia “La Grotta delle Fate” a Bacchereto.

Gli interventi

«Sono stati mesi impegnativi ma anche ricchi di incontri e di tanta tanta solidarietà – dichiarano i responsabili di Arci Comitato Territoriale Prato, titolare del Servizio, e di Merida, Società Cooperativa Sociale, l’ente gestore – e ci teniamo a ringraziare tutti coloro che hanno contribuito a rendere possibile tutto questo: il Comune di Carmignano, che ha permesso in tempi rapidissimi di trovare i locali alternativi per proseguire l’attività educativa, il personale scolastico della scuola di Bacchereto per averci accolto con tanto affetto, il Coordinamento Pedagogico di Prato, l’ufficio scuola, l’istituto comprensivo il Pontormo, la Misericordia di Seano, il Circolo Arci di Seano, la pizzeria Il Prugnolo, tutti gli enti e le associazioni che ci hanno a vario titolo aiutato. Ringraziamo i nostri bambini del nido e le loro famiglie, tutto il team educativo che ha lavorato senza sosta per portare avanti un lavoro di qualità con i bambini, tutti coloro che da ogni parte della Toscana hanno contribuito con donazioni e materiali a far rinascere il nostro nido: il Gruppo Pro-loco di Vicchio, il Gruppo Escursionistico Le Sieci, la Sezione Alpini . Amati, il Tempio Buddista di Prato e tanti altri che ci hanno supportato, talmente tanti che è veramente impossibile nominare tutti. Ma a tutti va il nostro più sentito è commosso grazie».

Le altre ferite

L’asilo bio nido “Il sole e la nuvola” è nato nel 2006 nell’ambito della rete “Ali per volare”, promossa da Arci Toscana e dedicata a Gianni Rodari. Come le altre due strutture del progetto nel nostro territorio, “Il Tamburino magico” di Tobbiana (a Prato) e “Il Regno di Mangionia” di Oste (a Montemurlo), offre accoglienza a bambini dai 3 ai 36 mesi e, un servizio educativo e di cura articolato e flessibile rispetto anche alle esigenze orarie delle famiglie, iniziative e percorsi di informazione, sensibilizzazione, formazione e partecipazione a supporto della genitorialità e delle scelte educative. Sul campo intanto restano altre ferite: l’alluvione del 2 novembre ha causato grossi danni anche ai locali che ospitano il nido “Il Regno di Mangionia”, al Circolo “Nuova Europa” di Oste, dove i lavori per la riapertura sono ancora in corso.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Le ultime
La macabra scoperta

Orrore tra gli scogli, una neonata trovata morta dentro uno zaino

Cinema in Toscana