Il Tirreno

Prato

Il caso

Prato, avvocato preso a pugni in centro: l’aggressore presenta le scuse. Ecco la sua lettera

Prato, avvocato preso a pugni in centro: l’aggressore presenta le scuse. Ecco la sua lettera

Il legale era stato pestato dopo aver chiesto di tenere un cane al guinzaglio

31 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





PRATO. A una settimana dall’aggressione subita domenica scorsa, 24 marzo, da un avvocato nel centro di Prato, arrivano le pubbliche scuse dell’aggressore, un commerciante del centro.

Il fatto

L’episodio aveva fatto un certo scalpore, per il luogo e per la dinamica dell’accaduto. Secondo il racconto dell’avvocato, quest’ultimo aveva invitato un passante a tenere al guinzaglio un cane di razza pitbull, temendo per l’incolumità degli altri passanti. La reazione del padrone dell’animale, in due tempi, era stata molto violenta, con pugni al volto del legale che poi era stato soccorso da un’ambulanza, portato all’ospedale e giudicato guaribile in dieci giorni. Passata una settimana il responsabile dell’aggressione ha ritenuto opportuno scusarsi.

Le lettera

«Sono Salvatore Cardone – si legge nella lettera inviata ai giornali – Vi scrivo per comunicarvi che sono dispiaciuto per l'accaduto di domenica nei confronti dell'avvocato. Mi ha chiesto di legare la mia canina e vorrei precisare che non è un pitbull ma un meticcio, in quel momento mi sono distratto per parlare con lui e i miei bambini si sono allontanati. Da lì in poi la situazione è degenerata e il resto è già notizia».

Si legge ancora. «Chiedo scusa a lui e a tutti i suoi cari per tutto quello che è successo, per il disordine che è stato causato, chiedo scusa alla mia famiglia, figli e tutti coloro che mi conoscono e che hanno visto la scena. Chiedo scusa anche a tutte le forze dell'ordine. Sono pentito. Non ho nient'altro da aggiungere».

Le condizioni dell’avvocato

L’avvocato è stato subito dimesso dall’ospedale, ma martedì ha in programma una visita dal neurologo per capire se i colpi ricevuti hanno lasciato qualche strascico.

Il suo aggressore domenica mattina era stato identificato dalla polizia in corso Mazzoni, ma al momento non è stata sporta alcuna denuncia nei suoi confronti. 

Primo piano
Le celebrazioni

25 Aprile, piazza della Signoria gremita: Stefano Massini legge il monologo di Scurati – Video