Il Tirreno

Prato

Polizia

Prato, aggressioni nel centro storico: scattano tre arresti


	Un fotogramma del video che ritrae il marocchino arrestato prima di un accoltellamento in piazza Duomo
Un fotogramma del video che ritrae il marocchino arrestato prima di un accoltellamento in piazza Duomo

In manette il marocchino che lo scorso 4 febbraio ha ferito due ivoriani in piazza Duomo con un grosso coltello. Fermati anche i suoi due fratelli

26 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





PRATO. La squadra mobile della polizia ha arrestato nel fine settimana tre fratelli marocchini di età compresa tra i 20 e i 30 anni, di cui non sono stati resi noti i nomi, accusati a vario titolo di lesioni e rapina. Tra loro c’è anche l’uomo che lo scorso 4 febbraio si è reso responsabile dell’accoltellamento di due ivoriani in piazza Duomo. Il video che lo riprende camminare da piazzetta Lippi a piazza Duomo impugnando un grosso coltello, tra l’indifferenza degli altri passanti, fece il giro del web e suscitò un notevole allarme sociale. Il coltello, è emerso durante le indagini, lo aveva sottratto a un macellaio che ha il negozio nelle vicinanze.

Quelle immagini, insieme ad altre estrapolate da diverse telecamere di sorveglianza, hanno consentito alla polizia di dare un nome al presunto responsabile dell’aggressione. Ma nell’ordinanza di custodia firmata dal giudice per le indagini preliminari ed eseguita dalla squadra mobile ci sono almeno altri due episodi, uno dei quali avvenuto in via Santa Trinita davanti al bar Medina e nei quali sarebbero coinvolti anche i due fratelli dell’arrestato, anche loro finiti in carcere. Tutti e tre si sarebbero resi responsabili di aggressioni, alcune delle quali con l’uso di coltelli, ai danni di altri nordafricani.

Il movente non è chiaro. Forse si tratta di conti in sospeso legati allo spaccio di droga, ma i tre non sono accusati di questo reato. Di sicuro hanno rappresentato una minaccia per chi si fosse trovato a incrociare la loro strada nel centro di Prato e per questo sono scattati gli arresti.

Primo piano
Il commento audio

Morte di Mattia Giani, il direttore del Tirreno alla partita della vergogna: «Una crudele idiozia»

Lo studio

Comuni più ricchi d’Italia, una sorpresa in Toscana – La classifica completa e i dati per ogni regione