Il Tirreno

Prato

truffa 

Chiede soldi per la Croce d’Oro: è un truffatore

Vezio Trifoni
Chiede soldi per la Croce d’Oro: è un truffatore

Arrestato dalla polizia un trentenne che aveva cercato di riscuotere un’offerta da un commerciante di San Giusto

30 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





PRATO. E’ stato arrestato nel pomeriggio di martedì 28 dicembre dagli agenti della polizia di stato di Prato un trentenne che si spacciava per volontario della Croce d’Oro, andando a chiedere ai commercianti di Prato una donazione per l’acquisto di un’ambulanza da utilizzare per trasportare i bambini all’ospedale pediatrico Meyer di Firenze. L'uomo conosceva molto bene il mondo del volontariato (sapeva nozioni relative a bls, primo soccorso e dotazioni delle ambulanze), era entrato in possesso di una felpa con lo stemma dell’associazione pratese della Croce d'Oro (nonostante non ne fosse mai stato volontario) e ha provato a sfruttare a proprio vantaggio la reale raccolta fondi aperta dall'associazione per l’acquisto di un’ambulanza da mettere a disposizione della città. Il trentenne ha così chiamato un negozio di San Giusto, si è spacciato come volontario dell’associazione di via Niccoli e ha fissato un appuntamento col commerciante per passare a ritirare in contanti la donazione. L’esercente però è rimasto insospettito dalle modalità utilizzate dal truffatore e così ha chiamato la Croce d’Oro per verificare la veridicità della raccolta fondi. Dal centralino di via Niccoli hanno subito messo in guardia il commerciante dal tentativo di truffa e contattato la questura per avvisare le forze dell’ordine dell’accaduto. Da qui ne è nata un’operazione congiunta fra tutte le parti in campo: perché gli agenti della polizia di stato hanno chiesto al commerciante di confermare l’appuntamento col truffatore, si sono appostati fuori dal negozio e nel momento in cui c’è stata la consegna in contanti della donazione sono entrati in azione arrestando in flagranza di reato il truffatore.

«Per prima cosa vogliamo ringraziare la polizia di stato per la perfetta e tempestiva operazione – commenta il presidente della Croce d’Oro, Alessandro Coveri – E poi esprimiamo tutta la nostra gratitudine al commerciante che ci ha permesso di venire a conoscenza di questa truffa».

La Croce d'Oro ricorda inoltre che la reale raccolta fondi per l'acquisto di un'ambulanza da intitolare alla memoria di Alessandro Donati e Andrea Cati (due colonne portanti dell'associazione di via Niccoli scomparse a causa del covid) è ancora aperta. Il conto corrente dedicato è stato aperto al Banco Bpm. Questo l’Iban per le donazioni: IT91 N 05034 21566 0000 0000 1706, con la causale ‘Acquisto ambulanza Croce d’Oro’. «Tutti coloro che vogliono fare beneficenza e aiutare la nostra associazione – conclude Coveri – possono farlo attraverso questo conto corrente».

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
La stagione in arrivo

Toscana, l'estate del turismo parte col vento in poppa ma pesano i capricci del meteo

di Barbara Antoni