Il Tirreno

Pontedera

I "grandi giorni"

"Vespa World Days" a Pontedera, tutti gli eventi in programma dal 18 al 21 aprile: in città arrivano 20mila persone

di Paola Silvi
"Vespa World Days" a Pontedera, tutti gli eventi in programma dal 18 al 21 aprile: in città arrivano 20mila persone

Ecco come la patria della Piaggio si prepara all’appuntamento mondiale dedicato alla due ruote

28 marzo 2024
5 MINUTI DI LETTURA





PONTEDERA. Da 78 anni la Vespa scorrazza sulle strade di tutto il mondo. A partire dal 23 aprile 1946, giorno in cui è stato depositato il brevetto, ne sono stati prodotti decine di milioni di esemplari. Ma l'icona della mobilità su due ruote è made in Pontedera. E il luogo di nascita del mitico scooter la festeggerà in grande stile durante le quattro giornate dedicate al maxi raduno. Dal 18 al 21 aprile sarà il Vespa World Days e uno sciame rombante invaderà la città e animerà l'intera provincia di Pisa.

Evento internazionale

«Accoglieremo un evento internazionale con migliaia di presenze e che avrà una ricaduta eccezionale su tutta l'area. A queste case, a queste strade, per citare le parole del nostro illustre concittadino Giovanni Gronchi, a questa collettività che ha sempre dimostrato spirito d'iniziativa, tanta forza di resistenza e tanta capacità di risorgere – dice il sindaco Matteo Franconi – dedichiamo questa manifestazione. Ma penso anche agli uomini e alle donne che hanno lavorato in Piaggio, a Corradino D'Ascanio che ha creato la Vespa e all'ex presidente, da poco scomparso, Roberto Colannino. Il Vespa World Days è un riconoscimento che va ad omaggiare un marchio che ha scritto la storia di Pontedera, una imprenditoria presente da 100 anni col suo stabilimento e che va, al tempo stesso, a coronamento di un percorso fatto in questi anni dal Vespa Club Pontedera, con le tante iniziative promosse che ci hanno portato fino a qui».

I numeri

Nelle parole del sindaco l'anticipazione e l’essenza di questa kermesse diffusa nel tempo e nello spazio, che vuole presentare agli oltre ottomila iscritti provenienti da 54 nazioni diverse e da oltre 660 Vespa Club sparsi nei cinque continenti, senza dimenticare le altre migliaia di curiosi che arriveranno, le eccellenze della Toscana, un incontro per appassionati, gruppi di amici e famiglie che insieme condividono l’amore per Vespa. Presenze da record e più di 100 appuntamenti in programma per una super iniziativa, patrocinata dalla Regione Toscana e da Terre di Pisa che toccherà ben 20 comuni, tra Pisa, la Valdera e la Valdicecina e che si inserisce a pieno titolo nell'Italian Motor Week 2024, essendo la città della Vespa un caposaldo del circuito Anci Città dei Motori. «I numeri raccontano molto di questo evento – conferma Riccardo Costagliola, presidente Vespa World Club – che sarà particolarmente ricco di contenuti. Il Vespa World Club, la federazione internazionale che riunisce ben 66 Vespa Club nazionali, ha infatti voluto che fossero rappresentate tutte e tre le anime della Vespa: il turismo, lo sport e il registro storico. Sarà grazie al registro storico che nel pomeriggio di sabato 20 aprile, alle 15.30, si svolgerà il concorso di eleganza, la passerella per le Vespa immatricolate fra il 1946 e il 1970 che faranno rivivere il fascino dei tempi passati. Lo sport sarà invece protagonista nella Coppa del Mondo di Gymkana e nella tappa italiana del Campionato Europeo di Vespa Rally, manifestazioni di abilità che, grazie agli istruttori del Vespa Club d’Italia, porteranno neofiti italiani e stranieri ad avvicinarsi al mondo della regolarità vespistica».

Preparativi ed emozione

Pontedera si prepara insomma ad accogliere la celebrazione del mito intramontabile di Vespa. Un mezzo amato da intere generazioni. Tanto che Vespa e i suoi fans nacquero praticamente insieme, quando, già nel 1946 si costituirono i primi Vespa Club. «Siamo felici ed orgogliosi – aggiunge Leonardo Pilati, direttore sportivo del Vespa Club d'Italia – che dopo dieci anni l'evento sia di nuovo in Italia. L'ultima volta il Vespa World Days si tenne a Mantova ma ora torna proprio a casa. La volontà dei Vespa Club di incontrarsi in un grande raduno per festeggiare la propria passione prende forma nel 1954, con il Raduno Internazionale di Parigi. A Pontedera ricorrerà perciò il 70° anniversario della nascita dell’EuroVespa, che dal 2007 ha assunto il nome di Vespa World Days per sottolinearne la globalità. E la storia dell'associazionismo si dipanerà in ogni forma, percorso e gara. Ce ne sarà davvero per tutti i gusti».

Il programma

Il programma prevede l'avvio della manifestazione alle 11 di giovedì 18 aprile al Vespa Village in piazza del Mercato. Qui, fino a domenica 21 aprile alle 16, un’area food e diversi stand espositivi, daranno a vespisti e visitatori la possibilità di stare insieme mentre viale Rinaldo Piaggio sarà la sede del mercatino delle eccellenze toscane, realizzato in collaborazione con il Biodistretto, con Cia e Coldiretti e con una rete di piccoli produttori della filiera agroalimentare di qualità. Ma c'è di più perché il centro di Pontedera farà anche da cornice a due momenti musicali: il concerto della Fanfara dei Carabinieri che seguirà l’inaugurazione di giovedì e lo show sul Piazzone di venerdì 20 sera con Cricca e gli Street Clerks. Al Vespa Village è previsto inoltre il test ride dei veicoli Piaggio e la consegna di 250 certificati di origine in edizione limitata. Sabato 20 e domenica 21 poi lo stabilimento Piaggio aprirà le proprie porte con ben 128 turni di visita straordinaria, realizzata a bordo di comodi trenini e sempre sul Piazzone sarà allestita la boutique nella quale sarà possibile acquistare la nuova capsule di abbigliamento Vespa. «Queste saranno le nostre Olimpiade – conclude con orgoglio Eugenio Leone, direttore del comitato organizzatore e vicepresidente del Vespa Club Pontedera – e la città sta reagendo con entusiasmo. Abbiamo messo in moto un'imponente macchina organizzativa, coadiuvata anche dal sostegno delle associazioni e dei Vespa Club della Toscana». Una centrale operativa accolta nei locali del Cineplex, volontari dell’Associazione Nazionale Carabinieri, dell’Associazione Nazionale Finanzieri d’Italia, oltre a 140 uomini e donne dell’associazione nazionale Polizia di Stato, 60 staffette motociclistiche ed un pull di professionisti stanno lavorando per offrire ai vespisti un'esperienza in totale sicurezza.



 

Primo piano
La sentenza

Pisa, morto a 52 anni per l’amianto respirato sulle navi della Marina: la figlia risarcita dopo 24 anni

Il commento audio

Morte di Mattia Giani, il direttore del Tirreno alla partita della vergogna: «Una crudele idiozia»