Il Tirreno

Pontedera

Il lutto

Cascina, muore a 63 anni ex poliziotto e arbitro di calcio: un malore ha stroncato Salvatore

Il 63enne morto era un ex poliziotto e arbitro di calcio
Il 63enne morto era un ex poliziotto e arbitro di calcio

Era un vice ispettore della questura in pensione dal 2021

27 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





CASCINA. A inizio marzo 2024 stava guidando tranquillamente al confine tra il comune di Cascina e Pisa quando, all’altezza di Musigliano, è stato colto da infarto che lo ha fatto uscire fuori strada. I soccorritori, dopo aver tirato fuori il veicolo dal fosso, lo hanno rianimato a lungo facendogli ripartire il battito cardiaco, ma Salvatore Perri da quel momento è entrato in coma fino a quando il 63enne ex poliziotto della questura di Pisa è morto nel reparto di terapia intensiva all’ospedale di Cisanello dov’era ricoverato. La salma è partita nella mattina di mercoledì 27 marzo alla volta della Calabria, sua terra d’origine, salutata da una folta rappresentanza di agenti in divisa alla sala del commiato del Nuovo Santa Chiara.

L'arrivo in Toscana

In Toscana è arrivato negli anni Ottanta. Prima a Firenze, poi a Pisa, città che in pratica non ha più lasciato. Prima al reparto mobile del capoluogo toscano, poi nella polizia stradale e infine in questura andando in pensione da vice ispettore appena tre anni fa.
Il ricordo dei colleghi

I ricordi

Commozione tra i colleghi con i quali ha diviso tanti anni di lavoro, la maggior parte presenti ieri per salutarlo per l’ultima volta. Tra questi anche il collega, anche lui in pensione, Claudio Meoli che gli ha rivolto un messaggio su Facebook: «Un fraterno saluto a un personaggio unico che ci ha lasciati. Riposa in pace Salvatore Perri. 63 anni, originario della Calabria, vice ispettore della polizia di Stato, era in pensione da tre anni. Durante la sua carriera ha svolto servizio alla polizia stradale e la questura di Pisa. Amato e stimato da tutti si è sempre distinto per la sua disponibilità nei confronti del prossimo. Riposa in pace Salvatore. Condoglianze ai tuoi cari». Anche il Sindacato autonomo di polizia (Sap) ha voluto ricordare Perri con un post sul social network: «Purtroppo il nostro amico e collega Salvatore Perri ci ha lasciati troppo presto. Salvatore, 63 anni, originario della Calabria, vice ispettore della polizia di Stato, era in quiescenza da tre anni, persona sempre disponibile e gentile. Ha iniziato la sua carriera nell’ottavo reparto mobile di Firenze, poi polizia stradale di Pisa e infine alla questura di Pisa. Riposa in pace Salvatore. Da parte di tutta la segreteria provinciale del Sap pisano, sentite condoglianze e un forte abbraccio ai familiari». Nel territorio pisano, Perri aveva davvero messo profonde radici, tanto da intraprendere anche la carriera di arbitro di calcio, ambiente in cui era molto conosciuto.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
La protesta

Carrara, in migliaia allo sciopero dopo le frasi choc dell’imprenditore Franchi. La sorella di una vittima sul lavoro: «Sono qui per difendere chi non può più farlo»

di Luca Barbieri