Il Tirreno

Pontedera

Il lutto

Addio a Bertini, re dei pallets: gli inizi trasportando paglia, poi il successo

di Tommaso Silvi
Addio a Bertini, re dei pallets: gli inizi trasportando paglia, poi il successo

Nel 1979 insieme al fratello Gabbriello aveva fondato l’azienda a San Miniato. Il ricordo del figlio: «Per lui contavano soltanto il lavoro e la famiglia, un uomo unico»

22 febbraio 2023
2 MINUTI DI LETTURA





SAN MINIATO. Negli anni Sessanta aveva iniziato trasportando la paglia. Umiltà e spirito di sacrificio come stelle polari della sua vita. Il lavoro e la famiglia come punti di riferimento da non perdere mai di vista.

Un uomo d’altri tempi, un imprenditore abituato a rimboccarsi le maniche. Partito dal nulla e arrivato a capo di un’azienda tra le più importanti del territorio, tirata su nel 1979 assieme al fratello Gabbriello. Fino a un mese potava gli ulivi con l’agilità di un ragazzino.

Poi uno scompenso cardiaco lo ha acciaccato improvvisamente. Fino a strapparlo alla vita. Dario Bertini è morto a 85 anni. Era il fondatore della Pallets Bertini Group, di San Miniato, realtà produttiva che si occupa di vendita di pallets usati e riparati, riparazione per conto terzi, acquisto e permuta di parchi pallets usati o rotti, attività di recupero rifiuti di imballaggi in legno e plastica e gestione logistica per terzi di pallets ed imballaggi. Lascia il figlio Fausto, i nipoti e le nuore.

«Babbo era una persona speciale. Ha sempre creduto nel lavoro e nella famiglia», dice Fausto Bertini, che prosegue: «Fino a poche settimane fa era nel consiglio d’amministrazione della ditta, era al corrente di tutto e dispensava consigli utili dall’alto della sua esperienza. Purtroppo un problema cardiaco, circa un mese fa, ha fatto peggiorare velocemente le sue condizioni di salute».

Il funerale di Dario Bertini si terrà oggi alle 14 a San Miniato Basso. «Ringrazio – dice ancora il figlio Fausto – tutte le persone che nelle ultime ore hanno contattato la nostra famiglia per esprimerci cordoglio e ricordare mio padre. Io, naturalmente, lo porterò sempre nel cuore. La cosa che più ho ammirato di lui è stata la sua capacità di affrontare ogni problema con una determinazione da leone, senza tirarsi mai indietro».

A San Miniato, e non solo, in moltissimi conoscevano Dario Bertini. Dentro e fuori dalla ditta. Nelle vesti di imprenditore di successo ma anche in quelle di Dario, una persona dal cuore grande e dallo spiccato senso degli affari.

La famiglia da ieri è stata invasa dalle testimonianze di affetto di amici, colleghi e conoscenti del numero uno di Pallets Bertini Group. Perché Dario ha lasciato qualcosa – a livello umano – a tutte le persone che ha conosciuto durante la sua vita.


 

Venerdì nero
La scheda

Crash informatico, cosa c’è dietro al caos che ha mandato in tilt aeroporti, banche e media di tutto il mondo: il problema, i tempi e l’esperto