Il Tirreno

Pistoia

l’aggiornamento 

Esplosione di contagi: 1.185 in un giorno È anche l’effetto della nuova ordinanza

Massimo Donati
Esplosione di contagi: 1.185 in un giorno È anche l’effetto della nuova ordinanza

Il virus fa un’altra vittima morto un pensionato quarratino Resta stabile però il numero dei pazienti ricoverati all’ospedale San Jacopo

31 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





PISTOIA. La variante Omicron ha fatto saltare il banco. Improponibile ormai qualunque tipo di raffronto con i numeri delle precedenti ondate. Per lo meno per quanto riguarda i dati relativi ai nuovi casi di Covid, letteralmente esplosi. Basti pensare che, in provincia di Pistoia, nel corso degli ultimi sette giorni quasi un residente su cento è stato contagiato. Con la valanga di diagnosi di positività arrivate ieri (1.185, circa il 70 per cento dei tamponi eseguiti il giorno precedente), l’indice settimanale di nuovi casi ogni 100mila abitanti è schizzato a quota 914.

Sono stati 2.656 i pistoiesi risultati positivi nell’ultima settimana, di cui, come detto, 1.185 nella sola giornata di ieri, più che raddoppiati rispetto ai 485 di mercoledì, che già avevano rappresentato il picco assoluto in provincia dall’inizio della pandemia (il precedente era stato 13 mesi fa, in piena seconda ondata: 285).

Come fa notare la Regione, l’aumento del numero di casi positivi è anche da collegare alle recenti disposizioni dell’ordinanza 66 del 28 dicembre del presidente Giani, che ha previsto di considerare, dal giorno 29, il test antigenico rapido positivo sufficiente a definire il caso confermato Covid.

Fatto sta che saltata qualunque ipotesi di paragone con il passato dal punto di vista del contagio, l’unico dato utile per avere la percezione della gravità dell’attuale quarta ondata resta quello dei ricoveri ospedalieri. E qui i numeri sono tutto sommato tranquillizzanti: ieri i pazienti ricoverati all’ospedale San Jacopo di Pistoia (dove ci sono stati 6 nuovi ingressi e 6 dimissioni) erano 41, di cui 3 in terapia intensiva e 4 in terapia subintensiva. Il 30 dicembre dello scorso anno, sebbene in tutta la provincia di Pistoia fossero stati registrati soltanto dieci nuovi contagi, i ricoverati erano 63, di cui 12 in terapia intensiva: la cartina di tornasole di come la vaccinazione riesca a ridurre drasticamente le potenzialità del virus di far insorgere nei contagiati problemi di salute tali da rendere necessarie le cure ospedaliere.

Per quanto riguarda i nuovi casi di positività di ieri, questa la distribuzione fra i vari territori comunali della nostra provincia: Abetone Cutigliano 2, Agliana 75, Buggiano 38, Chiesina Uzzanese 16, Lamporecchio 23, Larciano 19, Marliana 4, Massa e Cozzile 31, Monsummano 110, Montale 39, Montecatini 86, Pescia 78, Pieve a Nievole 46, Pistoia 319, Ponte Buggianese 41, Quarrata 162, Sambuca Pistoiese 1, San Marcello Piteglio 20, Serravalle Pistoiese 62, Uzzano 13. La giornata di ieri è stata inoltre funestata da un nuovo decesso di un residente della nostra provincia, il numero 705 dall’inizio della pandemia: all’ospedale fiorentino di Ponte a Niccheri è morto Francesco Lelio, 79 anni, che abitava nel comune di Quarrata.

Massimo Donati

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Il fenomeno

Boato sulla costa, l’ipotesi-bolide: i dati e la prima analisi su cosa ha spaventato mezza toscana

di Luca Centini