Il Tirreno

Pistoia

sicurezza in cittÁ 

Stop agli assembramenti Il prefetto Iorio sollecita controlli più intensi

Stop agli assembramenti Il prefetto Iorio sollecita controlli più intensi

30 aprile 2021
2 MINUTI DI LETTURA





PISTOIA. Il decreto “Riaperture” allenta la morsa dei divieti e inevitabilmente aumenta il rischio di assembramenti in città. Così nel corso dell’ ultima riunione del comitato per l’ordine e la sicurezza pubblica (svoltosi on line con la partecipazione del prefetto Gerlando Iorio, dei vertici delle forze dell’ordine e dei sindaci), si è deciso di intensificare i controlli.

In particolare, il prefetto ha invitato i Comuni «ad intraprendere iniziative volte a favorire un utilizzo corretto degli spazi all’aperto da parte degli operatori economici e dei cittadini».

Non è solo un problema di sicurezza: riuscire a garantire una frequentazione ordinata e rispettosa delle norme di sicurezza dei locali, che hanno potuto riaprire ai clienti, anche se solo all’aperto, è fondamentale per consentire la ripresa dell’attività economica per queste aziende, particolarmente penalizzate nei mesi scorsi dalle norme anti-epidemia.

Nel caso di Pistoia, osservati speciali sono ovviamente i parchi pubblici e il comparto della Sala, dove è più alta la concentrazione di locali che, da alcuni giorni, possono ospitare clienti nei loro tavoli all’aperto.

La nota della prefettura non scende in dettagli, ma è possibile che si pensi a forme di accesso controllate, con la presenza di vigili urbani, forze di polizia e associazioni di volontariato, che in tutti questi mesi si sono rivelate particolarmente efficaci nell’opera di controllo del rispetto delle cautele anti-contagio. A Palazzo di Giano si dovrebbe discutere oggi sul da farsi ed è possibile che vengano prese delle decisioni al riguardo.

Il prefetto Iorio ha anche sottolineato che, sempre nell’ottica di ostacolare i comportamenti a rischio, «si rende necessario un potenziamento del contingente di polizia, anche tramite richiesta di personale aggiuntivo, che permetterà l’intensificazione e il rafforzamento dell’attività di controllo». —

© RIPRODUZIONE RISERVATA



Primo piano
Il caso

Livorno, evade dal carcere delle Sughere: chi è e come è riuscito a scappare

di Stefano Taglione