pisa
cronaca

Pisa, ex calciatore accusato di dodici furti

Dalle giovanili con il sogno del pallone agli arresti per rubare pochi spiccioli


21 giugno 2022


PISA. Lo accusano di essere l’autore di dodici furti tra consumati o tentati. Sono una minima parte di quello che è stato il passato recente di un giovane arrivato in Italia dal Senegal con il sogno del calcio. L’agilità sul campo nel tempo è diventata utile per arrampicarsi su terrazze e cornicioni per Jean Victor Sene, 22 anni, dentro e fuori il carcere di Pisa a seconda dell’esecuzione del momento delle misure cautelari che gli piovono sulle spalle. Ieri mattina altro processo con i dodici episodi da cui doversi difendere. Lo difende l’avvocato Ottavio Bonaccorsi.

Case e pubblici esercizi erano gli obiettivi dell’ex calciatore che si è perso tra dipendenze e assenza di una famiglia che fosse in grado di imporgli un cartellino giallo alle prime scivolate proibite. Era solo e si è smarrito decidendo di sopravvivere con quei piccoli furti da fondo cassa che una volta scoperti e trasformati in sentenze di condanna rischiano poi di presentare un conto pesante.

«A 12 anni sono venuto in Italia per giocare nella Pro Vercelli – aveva spiegato al Tirreno nel 2019 dopo l’ennesimo arresto –. Alcuni osservatori mi avevano notato in Senegal proponendomi di giocare nel vostro Paese. A Vercelli ho fatto le scuole medie e avevo un tutore. Sono stato in altre società professionistiche toscane dove ho fatte le giovanili. L’ultima esperienza è stata al Carpi all’inizio del 2018. Per problemi di tesseramento non mi facevano giocare. È stato in quel periodo che mi sono ribellato a un sistema che ritenevo ingiusto».

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Gruppo SAE (SAPERE AUDE EDITORI) S.p.A, Viale Vittorio Alfieri n.9 - 57124 Livorno - P.I. 0195463049


I diritti delle immagini e dei testi sono riservati. È espressamente vietata la loro riproduzione con qualsiasi mezzo e l'adattamento totale o parziale.