Il Tirreno

Pisa

san giuliano: investimenti e prospettive 

«Parco dei Pini e Opera Pia fiori all’occhiello nel 2022»

R.P.
«Parco dei Pini e Opera Pia fiori all’occhiello nel 2022»

Il sindaco Di Maio annuncia i progetti avviati dalla giunta per l’anno che verrà  Nel bilancio 2021 gli interventi su luci, asfaltature e rotatorie. Il caso della Rocca 

31 dicembre 2021
2 MINUTI DI LETTURA





san giuliano. Un anno difficile con diversi progetti portati a conclusione e un 2022 di ripartenza con la prospettiva di definire due interventi di prestigio tra Parco dei Pini e Opera Pia.

Sindaco Sergio Di Maio che 2021 è stato a San Giuliano?

«Un anno che si è portato dietro le difficoltà e il lungo periodo di lockdown dell’anno precedente. Questo ha prodotto meno entrate nelle casse comunali, ma siamo stati in grado di non fare nessun taglio ai servizi, soprattutto per i più fragili. E si va verso un 2022 di ripartenza, noi siamo pronti ed è anzitutto un augurio».

Cosa avete fatto per contrastare la pandemia e per le politiche sociali?

«Quest’anno abbiamo continuato con la distribuzione dei buoni spesa grazie anche al contributo della Fondazione Pisa, l’ultima tranche giusto prima di Natale. Poi la rete di associazioni ha fatto un lavoro straordinario, sotto ogni punto di vista. Il volontariato e l’associazionismo sono un valore aggiunto da preservare e sostenere».

Capitolo lavori pubblici. A che punto siamo?

«Il 2021 ha segnato l’inizio di importanti interventi: penso alla rotatoria delle Querciole e a quella davanti alla Lidl, entrambe a Ghezzano e molto attese. In più abbiamo asfaltato molte strade, penso su tutte a via dei Condotti e alla storica riapertura di via di Palazzetto. Infine, come prospettiva, indico nella riqualificazione del Parco dei Pini una vera e propria rivoluzione del capoluogo. Poi toccherà anche all'Opera Pia».

Sono partiti anche i lavori di riqualificazione energetica.

«È iniziata la sostituzione dei corpi illuminanti con tecnologia a led, che consentirà di abbattere i disservizi. L’accordo con Siram Veolia comporta anche il rifacimento delle centrali termiche e dei quadri elettrici, in modo da poter intervenire in maniera centralizzata e più veloce. Basta, quindi, ai punti luce spenti. Servirà pazienza, ma il 2022 consegnerà a San Giuliano Terme un impianto nuovo ed efficiente».

Il 2021 è stato anche l'anno dell’acquisto della Rocca di Ripafratta e del Parco dei Pini.

«Un’acquisizione storica che consentirà di impostare progetti e richieste di finanziamenti per riqualificarla e renderla un punto di riferimento del turismo pisano e toscano, che mette al centro il Lungomonte. Ringrazio a tal proposito la Regione Toscana, il nostro consiglio comunale e l’associazione Salviamo la Rocca per averci sempre creduto. Per quanto riguarda il Parco dei Pini, abbiamo acquisito dalla stessa Regione la parte che era di sua proprietà e abbiamo avviato il percorso di riqualificazione».

R.P.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Primo piano
Scuola

Maturità, le tracce della prima prova: Ungaretti, Pirandello, l’atomica e i social