Il Tirreno

Basket

Golfo ancora una volta al completo anche il “mago” Venucci ci sarà

di Paolo Federighi
Golfo ancora una volta al completo anche il “mago” Venucci ci sarà<br type="_moz" />

Settimana di problemi fisici per il capitano che ha però recuperato in tempo

24 marzo 2024
3 MINUTI DI LETTURA





PIOMBINO. Ci siamo. Scatta l’ora del derby al PalaTenda di Piombino tra il Basket Golfo e la Pielle Livorno (palla a due oggi alle 18). Una sfida bellissima tra due squadre che giocano a pallacanestro divertendosi e divertendo. Da una parte la mina vagante del girone A, quel Golfo capace di vincere contro chiunque ma anche di cadere rovinosamente contro avversari meno quotati, e che quando può correre ed è in giornata nel tiro dalla distanza è un pessimo cliente per tutti. Dall’altra parte c’è la Pielle Livorno, capolista del girone A di serie B1 con 46 punti, la squadra che si è dimostrata ad oggi la migliore e la più completa (seppur con minimo scarto su Herons e Libertas), senza punti deboli, ben allenata e ricca di giocatori di grande talento.

Ma come si presenta Piombino alla sfida? Per rispondere è necessario partire da un fatto: quest’ultima è stata una settimana piuttosto travagliata per quanto riguarda le condizioni fisiche del capitano Mattia Venucci.

Venucci ci sarà

Il 33enne playmaker gialloblù ha sofferto a seguito dello scontro, nell’ultima partita di campionato contro Desio, con l’ala grande dei lombardi Giarelli. «Venucci ha preso una botta al ginocchio in uno scontro con Giarelli – conferma il preparatore fisico del Golfo Gianluca Frolli – all’inizio eravamo preoccupati che si trattasse di qualcosa di grave all’articolazione. In realtà è stata una forte contusione. Lo abbiamo preservato un po’ – spiega – ma in questa settimana si è comunque allenato. Quindi contro la Pielle Venucci ci sarà. Non sarà al 100% – conclude Frolli – ma sarà della partita».

Per la terza volta in questa stagione, quindi, Piombino si presenta al completo, con tutti gli undici giocatori a disposizione. Una squadra lunga contro un’altra squadra quasi altrettanto lunga: la Pielle ruota 9 uomini con minutaggi importanti e assai livellati. Per questo, come ricordavano anche i tifosi della Marea gialloblù, sarà importante che i giocatori di maggiore esperienza come Venucci, Turel, Azzaro, Piccone, De Zardo e Berra prendano per mano i giovani come Almansi, Longo, Cappelletti, Okiljevic e D’Antonio. Perché se è vero che entrambe le squadre hanno almeno due giocatori per ogni ruolo, è altrettanto certo che la Pielle ha giocatori già fatti e formati, la maggior parte dei quali con un passato in serie superiori e abituati a questo tipo di partite.

D’altra parte l’emozione per una gara così importante, a Piombino, la si percepisce da giorni. Tutti hanno ben presente che l’avversario è la squadra migliore del girone. Sotto canestro Berra, Okiljevic e Azzaro dovranno cercare di arginare gli infallibili Diouf e Pagani (rispettivamente 68,5 e 66,5% da due), mentre le guardie dovranno cercare di frenare le tante fonti di gioco della Pielle. Ma non basterà, perché gli esterni biancoblù sono anch’essi di grande livello: su tutti Lo Biondo, uno dei migliori giocatori del campionato, che segna 13 punti e cattura oltre 6 rimbalzi a partita, con irreali percentuali sia da 2 che da 3 (45% e 62%). Piombino dovrà far sentire il proprio corpo agli avversari. Sarà difficile – ma non impossibile – arginare un fiume in piena reduce da 11 vittorie consecutive.

L’ipoteca sulla salvezza

Nella scorsa giornata, mentre la Pielle ha demolito la Gema per 81-64, Piombino ha fatto altrettanto in casa contro Desio (92-73). A sei partite dal termine i gialloblù sono in corsa per qualificarsi ai playoff, ma la classifica cortissima obbliga il Golfo a non fare passi falsi per non essere risucchiato nel gruppone tra playoff, salvezza e playout. Una vittoria contro la Pielle sarebbe importantissima: una seria ipoteca sulla salvezza e un pezzetto di playoff.


 

Primo piano
La protesta

Carrara, in migliaia allo sciopero dopo le frasi choc dell’imprenditore Franchi. La sorella di una vittima sul lavoro: «Sono qui per difendere chi non può più farlo»

di Luca Barbieri