Il Tirreno

Basket

Edoardo Pedroni resta in gialloblù e cerca il riscatto

Edoardo Pedroni con la maglia gialloblù (foto di Paolo Barlettani)
Edoardo Pedroni con la maglia gialloblù (foto di Paolo Barlettani)

Il play vuole rifarsi dopo una stagione sfortunata

23 luglio 2022
2 MINUTI DI LETTURA





PIOMBINO.  L’obiettivo è chiaro: tornare in forma per aiutare la squadra della propria città dopo una stagione tribolata a causa di un infortunio. Edoardo Pedroni, piombinese doc, può essere considerato a tutti gli effetti un nuovo acquisto per il Basket Golfo di Piombino. Il playmaker, con all’attivo 131 presenze in maglia gialloblù, era tornato alla base la scorsa stagione dopo l’esperienza con la maglia del Piacenza (conclusa tra l’altro con la promozione in Serie A2). un ritorno a casa denso di speranze che tuttavia sono rimaste deluse, non certo per colpa di Edoardo, giocatore di grande valore ed esperienza, ma per la sfortuna. « Aveva fortemente voluto il ritorno nella sua Piombino – scrive la società Basket Golfo nella sua pagina Facebook ufficiale – ma la sfortuna gli ha fatto perdere per intero la stagione del suo rientro. Ora dopo un anno, dove ha dovuto per due volte operarsi e lavorare duramente per recuperare la condizione, è pronto a dare tutto per la sua maglia, per la sua città».

Giocatore classe 1998, altezza 1.84 per 80 chilogrammi di peso (i dati sono pubblicati sulla pagina della Laga Pallacanestro), Pedroni è un play dotato di un ottimo tiro dalla distanza, visione di gioco e grinta. la sua conferma rende particolarmente affidabile il reparto delle guardie gialloblù che già contano sul talento di mattia Venucci, Mvp della scorsa stagione. Due certezze per una squadra che sta cambiando molto rispetto alla scorsa stagione. Il primo cambio avvenuto è quello in panchina, con coach Damiano Cagnazzo che torna in gialloblù e prende il posto di Massimo Friso. Diversi gli addii importanti, a partire da autentiche bandiere come Saverio Mazzantini e Giacomo Eliantonio, pedine fondamentali dello scacchiere gialloblù nelle ultime stagioni. Non faranno parte del gruppo neanche Paolin e Tognacci, mentre in queste settimane la società del presidente Ottorino Lolini ha piazzato anche i primi colpi in entrata. Cagnazzo potrà contare infatti sull’ala grande messinese Alessandro Azzaro, una certezza sotto le plance. Con lui indosseranno la canotta gialloblù anche Fabrizio Piccone, guardia classe ’98 che ha fatto bene nell’ultima stagione disputata a Vicenza: ottima mano da tre e giocatore che dà il meglio quando deve attaccare il canestro. Lorenzo De Zardo è invece un’ala piccola classe ’99 tutto fisico, difesa, rimbalzi ed esplosività: arriva da Fiorenzuola. L’acquisto più intrigante è forse quello di Dario Mazzantini, esterno classe 2003, già nel giro della nazionale giovanile di categoria guidata da Gregor Fucka. È il fratello minore di Saverio Mazzantini, raccoglierà da lui il testimone. I tifosi sperano che possa fare bene come il suo fratellone. l

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
La sentenza

Pisa, morto a 52 anni per l’amianto respirato sulle navi della Marina: la figlia risarcita dopo 24 anni

Il commento audio

Morte di Mattia Giani, il direttore del Tirreno alla partita della vergogna: «Una crudele idiozia»