Il Tirreno

Piombino, nuovo campeggio Sant’Albinia: via libera al progetto da mille posti letto, i costi e i tempi

di Manolo Morandini

	L'area del vecchio campeggio Sant'Albinia
L'area del vecchio campeggio Sant'Albinia

Approvato il piano attuativo della Figline Agriturismo Spa: ecco tutti i dettagli

27 aprile 2024
4 MINUTI DI LETTURA





PIOMBINO. Sui tempi c’è una certezza in più. Arriva in zona Cesarini l’approvazione del piano attuativo per la riqualificazione dell’ex campeggio Sant’Albinia, nell’ultimo consiglio comunale utile del 24 aprile c’è il voto che a maggioranza dà il via libera all’operazione. L’operazione che dovrebbe prendere il via in autunno è anche la chiave di volta per dare forma al parcheggio di interscambio in località Caldanelle. L’obiettivo che mette d’accordo tutte le amministrazioni comunali che si sono succedute è quello di concretizzare così la volontà di alleggerire dal traffico di veicoli che nel cuore della stagione turistica investe il golfo di Baratti. L’intervento da circa 500mila euro per attrezzare quello che oggi è poco più di un campo sterrato sarà a carico della Figline Agriturismo Spa come opera a scomputo degli oneri di urbanizzazione dovuti per il progetto da 10 milioni di euro con cui punta a dare nuovo smalto alla struttura ricettiva in abbandono da anni.

Qui Baratti

Non sarà fatto niente di più di quanto indicato nel piano particolareggiato di Baratti e Populonia del 2013. Ovvero, delle strutture leggere per garantire una fruizione turistica: minimarket, bar, punto informazioni e noleggio biciclette. L’attesa è che portando in quell’area i servizi sia ragionevole ipotizzare che possa funzionare da parcheggio scambiatore. Tra l’altro è in fase di ultimazione la pista ciclopedonale che collega Populonia stazione a Baratti, passando dal parcheggio scambiatore delle Caldanelle. E nelle attese più che di un parcheggio di interscambio si parla di porta del parco archeologico. C’è anche una tempistica di massima che scatterà dalla firma della convenzione tra il Comune di Piombino e la Figline Agriturismo Spa: 12 mesi per presentare il progetto mentre entro 18 dovranno essere avviati i lavori altrimenti la società dovrà versare il corrispettivo economico delle opere. E a garanzia si prevede la presentazione di una polizza fidejussoria con scadenza a cinque anni. Ad oggi nel parcheggio di Caldanelle ci sono 600 posti auto e 70 per la sosta camper. 

Qui ex camping 

Sulle ceneri dell’ex campeggio Sant’Albinia, che la Figline Agriturismo Spa si è aggiudicata nel 2019 dal Comune di Piombino a fronte di 3.555.377 euro, si prevede una struttura ricettiva ex novo. Il campeggio prevede mille posti letto su una superficie di 89mila metri quadrati, cui si aggiunge l’immobile già adibito a campeggio di 588 metri quadri. Si tratta della più grande struttura ricettiva del Comune di Piombino ed è stato uno degli obiettivi della precedente amministrazione che nel settembre del 2016 aveva pubblicato un avviso di manifestazione d’interesse per capire quali fossero i soggetti potenzialmente interessati all’acquisto. Il bando di vendita è stato pubblicato molto tempo dopo, nel marzo 2019, per dare modo all’amministrazione comunale di approvare la Variante di manutenzione al Regolamento urbanistico, attraverso la quale si è prevista la possibilità di attuare gli interventi di riqualificazione e riorganizzazione complessiva del campeggio esistente anche in assenza di un nuovo Piano attuativo.

Il nuovo che avanza 

L’obiettivo della proprietà è quello di realizzare un complesso ricettivo in rado di raggiungere la qualifica di campeggio a 4 stelle. L’esempio è giusto a un tiro di schioppo e fa capo alla stessa proprietà lo hu Park Albatros village a San Vincenzo. La struttura avrà una ricettività massima pari a 1000 posti letto, distribuiti in 250 piazzole che saranno in parte allestite con case mobili nel limite del 70 per cento previsto dalla normativa di settore rispetto al numero totale delle piazzole. La parte rimanente sarà occupata con mezzi propri degli avventori, quali roulottes, camper e tende. Il progetto prevede la demolizione delle strutture esistenti per realizzare ex novo un blocco per reception, infermeria e servizi igienici. Inoltre, un market e piccolo punto vendita bazar/giornali e servizio lavanderia. Previsti dal progetto della Figline Agriturismo Spa anche una struttura adibita a ristorante e bar e un’altra per magazzino e rimessa mezzi. Ma anche un’area scoperta per attività sportive e ricreative. I servizi igienici di uso comune saranno ospitati in strutture mobili.

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime
Pianeta scuola e università

Ferrari, Don Abbondio e colesterolo: cosa c’è nel test di Medicina e quando usciranno i risultati