Il Tirreno

Calcio

Carrarese, rebus stadio, verso la decisione ufficiale e spuntano i primi nomi di mercato

di Luca Santoni

	Il gol decisivo di Finotto
Il gol decisivo di Finotto

Soluzione Pisa in pole position, ma non si escludono Chiavari o altre città: ecco quali sono gli scenari in campo

11 giugno 2024
3 MINUTI DI LETTURA





CARRARA. «La Serie BKT riabbraccia la Carrarese Calcio. Dopo 76 anni ritroviamo i toscani che completano l’organico della prossima stagione e che contribuirà al grande spettacolo della Lega B». La nuova avventura in cadetteria della Carrarese parte dal benvenuto ufficiale di Mauro Balata, presidente della Lega di Serie B. La Carrarese sarà quindi chiamata a confrontarsi con un campionato tutto nuovo per lei, contro piazze blasonate, autentiche corazzate, nuovi avversari e vecchie rivali. Sarà l'anno del battesimo del fuoco in una realtà solo sognata, o vista in televisione, da generazioni di tifosi, ma sarà anche un bel banco di prova per tutto il “sistema Carrara”. Non solo il club e la squadra, ma anche tutta la città saranno chiamati ad alzare l'asticella.

L’impianto e gli scenari

In primis bisognerà risolvere il problema rappresentato dal glorioso, ma vetusto, stadio dei Marmi e garantire una volta per tutte anche al pubblico carrarino un impianto sportivo moderno. Intanto, è d’obbligo programmare i lavori urgenti per avere l’agibilità allo stadio (videosorveglianza, torri faro, tribuna stampa, servizi igienici, già programmati questi ultimi insieme al manto da rifare); serve anche una via di fuga per aprire la curva Nord, e, per ampliare la capienza, ripristinare il rettilineo abbattendo le vetrate e realizzando altri varchi. L’ideale sarebbe costruire un nuovo stadio, oppure riprendere in mano il progetto che fu presentato all’epoca da Gigi Buffon. Per ora, lo stadio più probabile sarà Pisa, oggi, martedì 11 giugno, dovrebbe esserci l’ufficialità; l’alternativa più gettonata Chiavari, ma non si escludono altre soluzioni. Intanto, bisogna pensare ancora a festeggiare: oggi, dalle 18, la Carrarese sarà in pullman: da decidere il tragitto, probabilmente partenza da Carrara centro.

Il campionato

Molti danno la Carrarese come futura vittima sacrificale del prossimo campionato. Gli azzurri sono già paragonati alle meteore Feralpi Salò e Lecco, promosse e subito precipitate. Nel calcio si fa presto a passare dalle favole agli incubi. Sarà la città di Carrara a dover smentire queste previsioni nefaste, così come accaduto nei playoff, vinti contro i pronostici di moltissimi osservatori. La società di piazza Vittorio Veneto avrà tempi e modi di parlare dei suoi obiettivi stagionali da neopromossa, ma nella mente e nel cuori di tantissimi tifosi è già iniziato il derby con lo Spezia. Si è discusso e si discuterà per sempre, se sia giusto definire “derby” il confronto tra apuani e liguri. Quello che è certo è che la rivalità tra le due piazze è sempre stata accesa e sentita dalle rispettive tifoserie. Un sfida infinita che negli anni ha regalato vere e proprie battaglie memorabili. Sicuramente i prossimi Carrarese-Spezia e Spezia-Carrarese saranno i più blasonati di tutta la loro storia, perché si giocheranno in Serie B. Superfluo dire che in palio non ci saranno solo i 6 punti.

Il mercato

Con la promozione in Serie B in tasca, arrivano subito le prime notizie di mercato della Carrarese. Piazza Vittorio Veneto ha riscattato dal Crotone Giuseppe Panico, autore di 11 reti stagionali tra campionato e playoff. Il Crotone otterrà 200mila euro per l'obbligo di riscatto dell'attaccante. Stessa cosa vale per Julian Illanes che diventa definitivamente azzurro. Grazie alla promozione per la Carrarese è scattato l'obbligo di riscatto per il calciatore arrivato dall'Avellino in base alle clausole firmate nel prestito. Sempre in entrata si fa largo il nome di Filippo Oliana, difensore classe '99, legato al Sestri Levante fino al 2025. La Carrarese potrebbe però farsi avanti con una proposta.

Il giudice sportivo

Il giudice sportivo di Serie C, Stefano Palazzi, in merito alla finale di ritorno dei play-off, ha squalificato per un turno tre giocatori: si tratta di Cicconi e Illanes della Carrarese e Rossi del Vicenza. Ammende per le due società: 800 euro per i toscani in particolare per il lancio di tre petardi, e 4 fumogeni. 400 euro per i biancorossi per avere lanciato complessivamente sei fumogeni.

Primo piano
Scuola

Maturità, le tracce della prima prova: Ungaretti, Pirandello, l’atomica e i social