Il Tirreno

Ambiente e salute

Amianto a Cava Fornace, quello che non torna per gli ambientalisti

di Libero Red Dolce
Amianto a Cava Fornace, quello che non torna per gli ambientalisti

Arpat tranquillizza ma secondo i No Cava la marmettola e l’amianto stesso sono dei rischi reali sottovalutati

14 maggio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





MONTIGNOSO. Arpat ha rilevato amianto nell’acqua fuoriuscita dal crollo dell’argine ma in quantità minime che hanno convinto l’ente che non ci fosse la necessità di fare dei prelievi al lago di Porta. «Ma l’amianto è pericoloso solo quando è asciutto e inalato», ha precisato l’ingegnere di Arpat Stefano Santi. Ma queste rassicurazioni non hanno convinto troppo il Comitato dei cittadini per la chiusura di Cava Fornace. I punti critici sono la presenza di marmettola e quella di amianto, con la possibilità che tornando asciutto diventi volatile.

La questione marmettola

«Le analisi ufficiali in prima battuta hanno dimostrato che nelle acque-percolato esaminate erano presenti: ferro, alluminio, più sostanze di superfice. Non sappiamo di cosa si tratta e in che quantità; inoltre è stata data la colpa di tale presenze alla marmettola. La marmettola non viene messa in discarica da parecchi anni , non può essere la causa di quei metalli», dicono i No Cava. Ricordiamo il telo che copriva il cumulo di terre (pericolose) franate 

La questione amianto

«Durante la riunione al comune di Montignoso alla presenza dei due sindaci che hanno in carica la discarica, quelli di Montignoso e Pietrasanta» e dell'assessore regionale Monni Monia, l'ingegnere responsabile Arpat ha comunicato anche la presenza di amianto in forma liquida. Lça presenza di amianto nella Fossa Fiorentina è dovuto  all'evento del 6 maggio . Ciò vuol dire che le acque lo hanno trovato abbastanza facilmente nella loro discesa in discarica, questo fa pensare che nei momenti "asciutti" l'amianto diventi volatile, facilmente riscontrabile nell'aria. Pericolosissimo».

Le critiche alle rassicurazioni

Inoltre le teste riunite a Montignoso, a parte il sindaco Alberto Giovannetti di Pietrasanta, che si è distinto chiedendo la chiusura punto e basta, hanno fatto passare il messaggio che è tutto sotto controllo, che non ci sono pericoli per le persone. Ma tutti quei metalli e sostanze di superfice, finite nel lago assieme all’amianto, non recano danno? Alla fauna, alla vita del lago stesso, all'ecosistema, alla zona umida riconosciuta. per non parlare che le sostanze finiranno sempre in mare. Noi in questi giorni dobbiamo polemizzare su queste cose, portare a conoscenza delle persone che ciò che è successo altro che di poco conto, ma che è una cosa gravissima».

Le ultime
Cibo e pericoli

Cereali ritirati dai supermercati italiani: si rischia di soffocare

Cinema in Toscana