Il Tirreno

Il lutto

Carrara, muore a 47 anni: addio Silvia, sorriso solare dei negozi del centro

di Alessandra Vivoli
Silvia e il centro di Carrara
Silvia e il centro di Carrara

Le amiche: «Metteva al primo posto gli altri, poi arrivava lei»

29 febbraio 2024
2 MINUTI DI LETTURA





CARRARA. Il suo sorriso, la sua gentilezza, sono rimasti nel cuore e nel ricordo di tutti. Silvia Bevilacqua è stata a lungo, il sorriso di alcune attività del centro, dove aveva lavorato come commessa. Poi si era dedicata alla famiglia ed aveva affiancato il marito nella sua attività di imprenditore edile.
Lavoro e amore
Una vita fatta di lavoro, di amore e dedizione per i suoi cari. Una vita che ha dovuto fare i conti con una malattia che l’ha colpita solo qualche anno fa. La battaglia con quella malattia Silvia l’ha combattuta da leonessa, senza mai perdere il sorriso, la sua cifra che tanto l’ha fatta amare alla comunità di Carrara. Ma alla fine la malattia ha avuto la meglio.
La tragedia
Silvia Bevilacqua è morta a 47 anni lasciando un profondo dolore in tutti quelli che hanno avuto il piacere di conoscerla. La città nella mattina di giovedì 29 febbraio, il suo cuore pulsante, fatto di negozi e locali, si è svegliato con la triste notizia della morte di Silvia Bevilacqua. In tanti erano a conoscenza della lotta, dura, che la donna, madre di famiglia, aveva ingaggiato con la malattia. In alcuni momenti l’avevano vista meglio, in altri più provata dal male stesso e dalle cure: nessuno però, di quelli che ieri la piangevano, la ricorda mai scoraggiata, mai senza una parola di conforto per gli altri.
I ricordi
Perché, così la ricordano alcune amiche, Silvia era fatta così, «metteva al primo posto gli altri, poi arrivava lei». Nella lunga odissea della malattia è stata accompagnata da tanto affetto, quello dei familiari e quello dei tanti amici che da ieri sono in pellegrinaggio all’obitorio per una testimonianza di affetto in ore di così grande dolore. In via Roma, nel cuore pulsante di Carrara, Silvia viene ricordata ragazza, quando da poco aveva cominciato a lavorare. «Era una persona stimata da tutti perché era sempre disponibile, sempre paziente e per i negozi in cui ha lavorato è stata davvero un valore aggiunto»: così la ricordavano ieri mattina a Carrara dopo che la notizia della sua morte ha cominciato a circolare suscitando davvero un profondo cordoglio.La famiglia, gli amici, tutti coloro che hanno conosciuto Silvia si preparano a darle l’ultimo saluto. Il triste appuntamento è per venerdì 1 marzo, con partenza alle 15 dall’obitorio. Il rito funebre sarà celebrato nella chiesa di San Michele a Gragnana.

© RIPRODUZIONE RISERVATA
 

Primo piano
La sentenza

Pisa, morto a 52 anni per l’amianto respirato sulle navi della Marina: la figlia risarcita dopo 24 anni

Il commento audio

Morte di Mattia Giani, il direttore del Tirreno alla partita della vergogna: «Una crudele idiozia»