Il Tirreno

l’intervento 

Bugliani: adesso la Regione faccia chiarezza sull’opera

31 agosto 2021
2 MINUTI DI LETTURA





massa. Il consigliere regionale del Pd Giacomo Bugliani interviene sulla realizzazione dell’infrastruttura progettata da Anas, ovvero la Variante Aurelia, di cui si discute da oltre 30 anni e si continuerà a discutere anche nei prossimi mesi.

«Dai pareri delle direzioni ambiente e infrastrutture – inizia Bugliani – sono emersi punti di vista diversi. Ma ora sul progetto di Anas è necessaria una decisione definitiva. Negli ultimi anni – spiega Bugliani – sono stati fatti passi in avanti importanti per la definizione della questione. Parliamo di un’infrastruttura che sanerebbe un’anomalia della città di Massa, attraversata da una strada di grande comunicazione, come l’Aurelia, con la creazione di un collegamento che andrebbe a deviare il traffico dal centro cittadino. Un’opera che allevierebbe le conseguenze negative di un traffico eccessivo per un’area urbana, su cui occorre migliorare la qualità dell’aria, la mobilità e la sicurezza stradale e, dunque, la vivibilità di un intero territorio. Un’opera importante, giustamente analizzata anche dal punto di vista dell’impatto ambientale». Bugliani si concentra, per competenza, sul parere che la direzione regionale ambiente ed energia ha inviato al Ministero della transizione ecologica, in cui la Toscana rileva la necessità che Anas fornisca integrazioni e chiarimenti su alcuni aspetti, tra cui l’interferenza della variante con un’area boschiva, ed evidenzia alcune criticità, ad esempio il tratto in cui il tracciato si discosta dall’affiancamento con la ferrovia Pisa-Genova e va in direzione dell’ospedale.

«A queste osservazioni – specifica Bugliani – occorre aggiungere, però, anche il parere della direzione regionale mobilità, infrastrutture e trasporti che, per quanto di competenza, ha espresso il nulla osta all’opera, evidenziando come l’intervento della variante Aurelia nel comune di Massa sia stato inserito nel Piano Regione Integrato e Mobilità».

Siamo di fronte, quindi, a due aree direzionali diverse della Regione Toscana che hanno espresso due valutazioni evidentemente differenziate, «di fronte alle quali – commenta Bugliani – per rispetto dei cittadini, serve chiarezza da parte della politica e delle istituzioni, a tutti i livelli. Se perseguiamo un obiettivo, ovvero quello di realizzare la variante – continua il consigliere regionale – è bene andare avanti rapidamente e risolvere al più presto le criticità emerse. Ma, proprio perché è tempo di dare risposte certe, se questo obiettivo è venuto meno, lo si dica e andiamo oltre. Viviamo un tempo che rispetto ai decenni passati ci impone accelerazione, coraggio e determinazione nelle scelte che devono saper tenere insieme la necessità di tutelare l’ambiente, la vivibilità e l’ammodernamento, anche infrastrutturale, dei territori. Per questo rivolgo un appello alle istituzioni di questa Regione affinché sulla realizzazione o meno della Variante Aurelia sia fatta al più presto chiarezza».© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le ultime
Il decreto

Dal governo via libera al Salva-casa: vetrate e sanatorie, le nuove regole