Il Tirreno

Lucca

Il caso politico

Lucca, la consigliera di Fratelli d’Italia chiede un minuto di silenzio per l’elezione di Ilaria Salis. Scoppia la polemica

Lucca, la consigliera di Fratelli d’Italia chiede un minuto di silenzio per l’elezione di Ilaria Salis. Scoppia la polemica

La denuncia del segretario regionale di Sinistra Italiana, Dario Danti: «Deve dimettersi»

12 giugno 2024
2 MINUTI DI LETTURA





«Mi sembrerebbe necessario fare un minuto di silenzio per l’elezione di Ilaria Salis alle Europee». Queste sono le parole pronunciate dalla consigliera di Fratelli d’Italia Laura da Prato durante una seduta consiliare. «Una frase colme di vergogna – scrive il segretario regionale edi Sinistra Italiana, Dario Danti – che nell’imbarazzo totale dei presenti in aula ha sfacciatamente calpestato le battaglie di Ilaria Salis e di chi combatte per la sua liberazione dalle catene dell’autoritaria Ungheria».

La vicenda di Ilaria Salis

Ilaria Salis, maestra di Monza di origini sarde, è stata per mesi in carcere in Ungheria perché accusata di avere aggredito alcuni militanti neonazisti a Budapest durante il raduno dei militanti di estrema destra chiamato il Giorno dell’Onore. Da qualche settimana si trova ai domiciliari ed è stata candidata, ed eletta, al Parlamento Europeo da Alleanza Verdi Sinistra. Ha ricevuto 173mila voti.

La richiesta di dimissioni della consigliera

«La destra, che continua a insultare e a gettare fango su Ilaria Salis, mostra ancora una volta di essere poco coerente con ciò che dice. Mentre attacca le condanne legate all’attivismo politico di Salis, dimentica di aver ricandidato ed eletto Carlo Fidanza, capo delegazione di Fratelli d’Italia al Parlamento Europeo, che ha patteggiato una condanna a 1 anni e 4 mesi per corruzione. Si dimenticano di aver candidato Vittorio Sgarbi, con una condanna a 6 mesi per truffa ai danni dello stato», scrive ancora Danti.

E Danti conclude chiedendo un passo indietro: «Parlano senza alcuna vergogna, e lo stesso ha fatto la consigliera Laura Da Prato, di cui oggi chiediamo le dimissioni».

Sogni e racchette
Tennis

Wimbledon, si infrange il sogno di Jasmine Paolini: «Sono triste, ma devo sorridere. È stata una bella giornata»

Dov'è nata

Jasmine Paolini in finale a Wimbledon: Bagni di Lucca, l'attesa al circolo tennis dove tutto è iniziato

Sport