Il Tirreno

Lucca

Commercio

Lucca, Tenucci lascia via Fillungo dopo 106 anni: riaprirà a fine giugno in un’altra zona del centro

Lucca, Tenucci lascia via Fillungo dopo 106 anni: riaprirà a fine giugno in un’altra zona del centro

Chiusa la saracinesca del fondo che ospitava il negozio dal 1918

24 aprile 2024
2 MINUTI DI LETTURA





LUCCA. È un pezzo di storia della città che arriva al capitolo finale. Dopo oltre un secolo il negozio Tenucci lascia lo storico fondo al numero 54 di via Fillungo per trasferirsi in via del Battistero.

La saracinesca è stata abbassata in questi giorni e la comunicazione è stata affidata a un cartellino: «La ditta Tenucci è momentaneamente chiusa. Riapriremo a fine giugno in via del Battistero 7».

Era dal 1918 che l’insegna di Tenucci svettava in via Fillungo. La storia della dinastia, in realtà, è ancora più lunga, datando un anno prima dell’unità d’Italia, nel 1860: fu in quell’anno che il capostipite Ferdinando aprì una cappelleria in piazza San Michele che produceva in proprio berretti, sia per uso militare che da destinare ai borghesi. Ma nel 1918 avvenne la svolta, a opera di Umberto, figlio di Ferdinando: l’attività si trasferisce nel fondo di via Fillungo. E, accanto alla cappelleria, arriva un laboratorio di pellicceria. Nel corso degli anni, poi, la trasformazione in negozio di abbigliamento di alta gamma, capace di attrarre clienti affezionati anche da ben oltre i confini di Lucca, potendo contare sui consigli di Umberto Tenucci, quarta generazione alla guida dell’attività.

Gli ultimi dieci anni sono stati però assai travagliati. A partire da un’inchiesta della guardia di Finanza per una presunta evasione fiscale a carico di Tenucci e della moglie. Dopo un lungo iter i due sono stati assolti in Tribunale per la parte penale, ma l’impatto sull’attività è stata pesante, con il fallimento della Ferdinando Tenucci Sas, l’azienda di famiglia e la messa all’asta dello storico fondo. L’immobile venne poi acquistato da Elisabetta Pierallini, nuora di Tenucci e questo consenti, da una parte, di tutelare l’aspetto del fondo e, dall’altra, di riaprire con il negozio di abbigliamento.

A due anni dalla riapertura, nel febbraio 2020, Tenucci divenne monomarca dell’etichetta grossetana “Toscano”.

Ora, la nuova svolta, con la scelta di lasciare un fondo certo storico e suggestivo, ma anche impegnativo come quello di via Fillungo e di trovare ospitalità nella via degli Antiquari: anche in questo caso un luogo pieno di storia, che negli ultimi anni si è un po’ appannata con la chiusura di un gran numero di attività.l

L.C.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

Primo piano
La sfida dell’energia

Geotermia in Toscana, la partita delle concessioni e degli extra profitti: oggi valgono 600 milioni all’anno

di Mario Neri
Cinema in Toscana