Il Tirreno

Lucca

Novità

Rivoluzione parcheggi a Lucca: ecco le zone della città interessate

Rivoluzione parcheggi a Lucca: ecco le zone della città interessate

Alla Cittadella ricavati altri 93 stalli blu al piano terra. In piazza della Magione solo strisce gialle per i residenti

23 dicembre 2023
3 MINUTI DI LETTURA





LUCCA. Riaperto il piano terra del parcheggio sopraelevato in piazza Cittadella: 93 posti in più che consentiranno di destinare i 25 stalli di piazza della Magione ai residenti.

La giunta Pardini continua a lavorare per aumentare il numero di posteggi in città da mettere a disposizione sia di chi viene da fuori sia dei residenti. Dopo aver presentato il maxi-progetto per un parcheggio interrato subito fuori porta Santa Maria (bello ma chissà se e quando sarà realizzato), stavolta si passa a qualcosa di più concreto e immediato. L’amministrazione ha reso completamente fruibile il parcheggio a due piani che si trova in piazza della Cittadella, all’intersezione tra la parte nord (quella pubblica) e quella sud (per la quale c’è un bando aperto) della ex Manifattura. Qui occorre fare un po’ di storia: nel 2012, proprio per consentire i lavori all’ex fabbrica di sigari finanziati con i fondi ex Piuss, il parcheggio a due piani venne chiuso. La parte superiore, che conta un’ottantina di posti, venne poi riaperta mentre quella al piano inferiore è rimasta chiusa fino a ieri. Ora, grazie a una serie di lavori, la struttura torna nuovamente fruibile nella sua totalità, anzi con una capacità di posteggio (circa 180 stalli) addirittura superiore a quella che aveva in precedenza. «Abbiamo ricavato 93 posti quando inizialmente ne avevamo previsti solo 56 – afferma il sindaco Mario Pardini –. Si è trattato di un lavoro più complesso del previsto, Metro srl ha realizzato un nuovo impianto di illuminazione e uno antincendio che daranno maggiore sicurezza a tutto il complesso. È stata bonificata e messa in sicurezza anche l’area sotto la tettoia della Stecca, dove sono stati ricavati altri parcheggi».

Alla presentazione ha presenziato l’amministratore unico Roberto Di Grazia: «Questa zona di notte era frequentata da persone poco raccomandabili e da senzatetto – spiega –. Per questo si è resa necessaria la bonifica delle pareti circostanti e tamponando le aperture con pannelli di legno. Installeremo anche trenta telecamere, un paio sono già presenti all’ingresso e l’area è comunque ben illuminata di notte. Abbiamo così recuperato uno spazio che abbiamo ereditato come luogo di spaccio e ricovero per senzatetto, lo abbiamo fatto in piena collaborazione con l’amministrazione e l’assessore Nicola Buchignani, che ha partecipato personalmente alle fasi dei lavori».

Il recupero di questi posti 93 stalli a pagamento, consentirà di effettuare uno switch in piazza della Magione: i 25 stalli che attualmente sono di colore blu (a pagamento) diventeranno gialli e quindi a servizio esclusivo dei residenti. «Subito dopo Natale – spiega l’assessore Buchignani – partiranno i lavori che saranno terminati in pochi giorni migliorando notevolmente la sosta in questa area della città per residenti e visitatori».

«L'amministrazione Pardini per la seconda volta aumenta i posti auto dedicati ai residenti – afferma l'assessore alla mobilità Remo Santini – dopo i nuovi 15 stalli gialli di piazza Santa Maria anche la zona ovest della città si giova di un intervento che concilia le esigenze di chi vive nel centro storico con quelle di chi viene da fuori e delle attività economiche, un modello di equilibrio che vogliamo sostenere e sviluppare». Il parcheggio di piazza della Cittadella non ha mai avuto una percentuale occupazione particolarmente elevata (si aggirava intorno al 50%) ma il fatto che piazza della Magione diventi a servizio dei soli residenti contribuirà ad aumentarne l’utilizzo. Poi si valuterà, anche attraverso le nuove telecamere della ztl, se sia possibile limitare il transito proprio in piazza della Magione.

© RIPRODUZIONE RISERVATA


 

Primo piano
L'indagine

La lista dei farmaci introvabili: parkinson, diabete o epilessia, ecco perché curarsi diventa impossibile

di Martina Trivigno
Le nostre iniziative