Il Tirreno

Livorno

Il lutto

Livorno piange Fabrizio Messerini, la leggenda del baseball

Una foto d'epoca di Fabrizio Messerini
Una foto d'epoca di Fabrizio Messerini

L'aneddoto: «Ricordo ancora quando giocasti e bene, come sempre, con la mano sinistra ustionata, piena di vesciche: un esempio per i tuoi valori fuori e dentro il campo»

26 marzo 2024
2 MINUTI DI LETTURA





LIVORNO. Era «un gigante del baseball livornese». Livorno piange il settantenne Fabrizio Messerini, storico giocatore labronico ed esempio per molti nella palabase. Lo sportivo della nostra città si è spento dopo una lunga malattia. Innumerevoli i messaggi apparsi sulla sua pagina Facebook. «La famiglia del Livorno Baseball ha appreso della scomparsa di uno dei giganti del baseball amaranto. Dopo una lunga malattia, Fabrizio Messerini, l’immenso #2 ritirato dallo storico presidente Alfredo Sisi – si legge in un messaggio del Livorno Baseball – durante la grande festa che si tenne allo storico Chucheba di Castiglioncello, ci ha lasciato. La dirigenza, lo staff tecnico e gli atleti si stringono a Daniela e a tutta la famiglia Messerini in questo momento di dolore».

«Ciao Fabrizio, è stato bello averti come compagno di gioco», ha scritto sulla sua pagina Facebook l’ex giocatore Stefano Sechi. «Il nostro “Tak” Fabrizio Messerini – scrive invece Moreno Disgraziati – ci ha lasciato. Spero che si possa incontrare con “Marco Mariolino” e il “Cecche”». «Un pilastro», come lo definisce Luciano Vitiello, che piange la sua scomparsa. «Un esempio in campo, un gigante come persona. Ciao Fabrizio che la terra ti sia lieve», è il messaggio di Marco Piludu. «Quante risate ci hai fatto fare. Un abbraccio a tutta la famiglia», le parole di Carlo Taradash. «Indimenticabile Fabrizio! Maestro sul monte di via dei Pensieri!», aggiunge Diego Carlesi.

Conosciutissimo non solo a Livorno, ma in tutta in Italia, ha lasciato un ricordo indelebile in tutti gli appassionati della pallabase. «Ciao mitico interbase, quanti ne abbiamo fatti fuori! Ti ricordo come “Angelica”, così ti chiamavano i grossetani», le parole di Otello Cavallini, suo compagno di squadra. «Ciao grande “Tacche”, amico mio – è il messaggio di Lorenzo Martini – Ricordo ancora quando giocasti e bene, come sempre, con la mano sinistra ustionata, piena di vesciche: un esempio per i tuoi valori fuori e dentro il campo». In tanti si sono stretti al dolore dei familiari.

Primo piano
Le celebrazioni

25 Aprile, piazza della Signoria gremita: Stefano Massini legge il monologo di Scurati – Video